Home STARBENE / GUSTO Grande successo per la festa della pesca Regina di Londa. Stefania Storai...

Grande successo per la festa della pesca Regina di Londa. Stefania Storai ha vinto la sfida tra Food Blogger

476
0

di Elisabetta Failla

La festa della pesca Regina di Londa, che si è svolta lo scorso fine settimana in questo paese della montagna fiorentina porta del Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi, è stata un grande successo con un’affluenza di persone curiose di conoscere questo frutto a maturazione tardiva dal sapore unico e inconfondibile.

Tantissime le iniziative che si sono svolte in questi due giorni: dalla gara tra i produttori di pesca Regina, al mercatino a km zero e vero, al Giropescae pomeriggio dedicato ai giochi e alle esperienze per i bambini, al tradizionale Corteo dei carri, lo spettacolo teatrale “Quel che è stato, ritorna” e l’attesa sfida tra food Blogger dal titolo Alla ricerca del pomo perduto.

Chi vi scrive ha avuto l’onore di essere la presidente della giuria di questo contest, insieme al sindaco di Londa Aleandro Murras e alla giornalista enogastronomica Nadia Fondelli, che ha visto due famose food blogger, Shamira Gatta e Stefania Storai, sfidarsi presentando due piatti molto particolari. Shamira Gatta ha preparato l’anatra marinata al miso su crema di PescaRegina al bbq demi glacè al chianti mentre Stefania Storai ha proposto la schiacciata alle pesche, pepe e olio al rosmarino. Due piatti diversi nel gusto e nei profumi e difficili nella preparazione che hanno fatto discutere non poco la giuria in quanto entrambi avrebbero meritato di vincere. Sul filo di lana e con un risicatissimo scarti di punti ha vinto la “schiacciata” di Stefania Storai soprattutto per un maggiore equilibrio di profumo e gusto fra gli ingredienti. Ma i complimenti vanno anche a a Shamira Gatta che si è cimentata in un piatto di esecuzione altrettanto complessa.

Se volete cimentarvi, queste le due ricette.

schiacciata alle pesche di Stefania StoraiSchiacciata alle pesche pepe e olio al rosmarino

di Stefania Storai

Ingredienti per l’impasto:

  • 220 g di farina zero (io Gran Prato)
  • 80/90 g di acqua
  • 50 g di licoli o 70 g di p.m solida aggiungendo in più 20 g di acqua al totale oppure 7 g di lievito di birra
  • 25 g di burro
  • 20 g di zucchero
  • 1 pizzico di sale

Ingredienti per farcire:

  • 50 g di zucchero di canna fine
  • 25 g di olio extravergined’oliva
  • 2 pesche bianche o gialle
  • 3 rametti di rosmarino
  • un pizzico di pepe macinato al momento

Procedimento:

Setacciare in una ciotola la farina, aggiungere il licoli, l’acqua, lo zucchero e il burro a pezzetti. Iniziare a impastare, aggiugere il sale e continure a impastare. Trasferire l’impasto sul piano di lavoro, continuare a impastando e sbattendo l’impasto sul piano rendendolo così liscio e omogeneo. Fare una piega a tre arrotolare, formare una palla e mettere a lievitare in una ciotola coperta con la pellicola fino al raddoppio, ci vorranno circa 4 ore. (I tempi con il lievito di birra saranno molto più brevi.)

Nel frattempo scaldare sul fuoco in un pentolino, l’olio con il rosmarino senza farlo soffriggere, togliere dal fuoco e lasciarlo raffreddare. Trasferire l’impasto lievitato sul piano di lavoro, ricavare delicatamente con il mattarello un rettangolo 30×20. Spennellare abbondantemente con l’olio al rosmarino una teglia antiaderente di cm 30×40, trasferire al suo interno l’impasto steso, spennellare di olio al rosmarino e cospargerlo di zucchero di canna fine.

Tagliare le pesche a fettine regolari, posizionarle sopra l’impasto come si vede nella foto, aggiungere piccoli ciuffetti di rosmarino. Lasciare riposare 30 minuti poi una piccola spennellata di olio, nuovamente una leggera spolverata di zucchero di canna e infornare a 250 C° nella parte più bassa del forno fino a cottura. Circa 20 minuti. Sfornare, spennellare con l’olio e spolverare di pepe. Servire tiepida per apprezzare tutta la sua bontà.

La ricetta arrivata al secondo posto è la seguente:

ANATRA ALLA PESCA DI SHAMIRA GATTAAnatra marinata al miso su crema di pesca Regina al bbq e demi glacè al Chianti

di Shamira Gatta

Ingredienti per 4 persone

Per la marinatura:

  • 50 ml di salsa di soia shoyu
  • 30 g di miso di orzo
  • 1 cucchiaio di sale
  • scorza di 1/2 limone
  • 20 g di miele d’arancio
  • 5 g di aceto balsamico
  • 5 grani di pepe nero schiaciati
  • 100 ml di olio evo
  • 300 ml di acqua frizzante

Unisci tutti gli ingredienti, frulla e porta ad ebollizione, quindi fai raffreddare.

Per l’anatra marinata:

  • 800 g di petto d’anatra

Incidi la pelle dell’anatra e lasciala marinare per 30 minuti almeno nella marinatura.

Per la crema di pescaRegina al bbq

  • 5 pesche
  • 1 carota grande
  • 1 tocchetto di zenzero fresco
  • sale
  • 100 ml di olio evo Toscano

Apri a metà le pesche, massaggiale con il sale e cuocile sbruciacchiandole sulla griglia del bbq, quindi pelale. Lessa le carote ed affumicale con legno di cedro. Pela le pesche eliminando le parti diventate nere in cottura e trasferisci la polpa privata del nocciolo in un pentolino, unisci la carota affumicata e lo zenzero, frulla e porta a bollore il composto ottenuto. Togli dal fuoco, aggiungi l’olio, e frulla ancora con il frullatore a immersione. Attenzione: non utilizzate una quantità eccessiva di carota, serve solo a far si che la salsa risulti più cremosa, spumosa e compatta.

Per la salsa demi glacè al Chianti

  • 80 g di burro
  • 45 g di farina 00
  • 100 g di Chianti
  • 500 ml di brodo di manzo
  • Sale

Fai sciogliere il burro in un pentolino, unisci la farina, mescola con un mestolo di legno e crea un roux, aggiungi, sempre mescolando il vino, quindi il brodo, infine fai addensare e sala. Ho realizzato il brodo di manzo con, ossa e polpa di manzo, sedano, carota, cipolla, porro, 1 crosta di parmigiano, 2 pomodori, scorza di 1/2 limone, pepe, tabasco.

Finitura e impiattamento

Origano fresco

Scola il petto d’anatra dalla marinatura ed asciugalo per bene, doralo in padella a fuoco molto alto, 2 minuti dalla parte della pelle ed un minuto dalla parte della carne, tenete conto che il tempo di cottura dipenderà dallo spessore del pezzo, tuttavia il cuore dovrà rimanere rosso o rosato, a seconda dei gusti. Disponi alla base dei piatti uno strato abbondante di crema di pesca, adagia sopra il petto d’anatra tagliato a fette, decora con cimette di origano fresco, ultima in tavola aggiungendo abbondante salsa demi glacè al Chianti.

Ma non è finita qui perché a Firenze e dintorni sarà possibile gustare gelato alla Pesca Regina nella sfida tra gelaterie Vetulio Bondi (Via Nazionale61/R), Il Barroccino delle sorelle Scagnoli(via Torre degli Agli 71),  la gelateria Conti di Firenze ( Viale dei Mille 2), gelateria Ermini (via Gioberti 123r Firenze)   il Corellino a Dicomano (Via Dante Alighieri 28) e votare il miglior gelato!

Testimonial della Pesca Regina di Londa anche “I 5 chef per una Regina” edizione 2018 scelti tra coloro in grado di evidenziare le caratteristiche del prodotto. L’alta cucina dello stellato Marco Stabile (Ora d’Aria- Firenze), il pesce più fresco e l’abilità di un ristorante storico Settimio Sordi (Da Settimo- Firenze), la voglia di innovare nella tradizione di un cittadino di Londa come Andrea Perini (Al 588 -Bagno a Ripoli – Fi), la cucina peruviana di alta qualità oggi così ricercata di Pablo Gucic Ferrer (El Inca -Firenze) che da sempre utilizza frutti nelle sue ricette tradizionali e che oggi si mette alla prova con un prodotto europeo, l’eleganza dei sapori orientali che Stefano Dai con il suo staff ha fatto conoscere ai fiorentini con il suo ristorante (Fulin – Luxury Chinese Experience – Firenze). Ecco i piatti che potete trovare in carta e che hanno la pesca Regina di Londa come protagonista:

Marco Stabile

PescaRegina di Londa, brace rosmarino e sedano rapa

Settimio Sordi 

gamberoni alla pescaRegina di Londa

Andrea Perini

 Anche le regine hanno fegato

Pablo Gucic Ferrer

 Una Regina in Perù

Stefano Dai e staff 

Petto d’anatra alla griglia con salsa di pescapepe Sichuan e bacche di goji

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here