Home SPORT Pallanuoto Serie A1 M, La Florentia beffata sul finale dal Quinto (6-7)

Pallanuoto Serie A1 M, La Florentia beffata sul finale dal Quinto (6-7)

47
0

RN FLORENTIA- IREN GENOVA QUINTO 6-7

RN FLORENTIA: Cicali Massimiliano, Generini Giovanni, Eskert Nicola 1, Coppoli Francesco 3, Turchini Francesco, Bini Giacomo, Turchini Tommaso, Dani Lapo, Razzi Andrea 1, Tomasic Miloslav, Astarita Matteo, Di Fulvio Andrea 1, Maurizi Riccardo. All. Tofani

IREN GENOVA QUINTO: Pellegrini Pierre, Paunovic Bojan 2, Vavic Nikola 1, Mugnaini Marco, Brambilla Francesco, Lindhout Robin 2, Gavazzi Filippo 1, Bielik Tomas, Boero Giacomo, Bittarello Luca, Gitto Matteo, Amelio Andrea 1, Pellerano Riccardo. All. Luccianti

Arbitri: Collantoni e Frauenfelder

Parziali 1-2, 2-1, 3-2, 0-2 
Ammonito per proteste nel quarto tempo il tecnico del Quinto Luccianti. Superiorità numeriche: Florentia 3/8 e Quinto 3/8. Spettatori 200 circa

di Elisabetta Failla

Nel recupero della quarta giornata del campionato di Serie A1 maschile la Rari Nantes Florentia viene beffata a cinque secondi dalla fine da un da una rete di Andrea Amelio per lo Sporting Club Quinto. Peccato perché è stata una bella partita combattuta punto su punto.

Peccato anche perché la Florentia è stata a tratti un po’ sprecona soprattutto nell’uomo in più subendo a tratti il gioco estremamente difensivo degli avversari.  A proposito di sprechi, proprio pochi attimi prima del gol che ha assegnato la vittoria al Quinto, i ragazzi di Tofani hanno sprecato una bella occasione in superiorità che li avrebbe portati in vantaggio di un gol ed un finale di partita probabilmente diverso. Lo Sporting Club Quinto è stata un’avversaria ostica, ben affiatata con buona tenuta atletica. Certo, le due vittorie contro la Pallanuoto Trieste e il Posillipo (e una sconfitta) precedenti erano segnali di una squadra che, seppur neopromossa, non avrebbe reso facili le cose ai gigliati.

Marco Paganuzzi
Marco Paganuzzi

Ma questo incontro è stato segnato anche dal ricordo di Mauro Paganuzzi, l’ex allenatore scomparso giovedì scorso sconfitto, dopo aver lottato per circa un anno da un terribile male. L’inizio è stato commovente con i “suoi” ragazzi in lacrime, e gli applausi, dopo un minuto di silenzio, da parte di atleti, dirigenti e tifosi di entrambi le compagini sugli spalti.

Gabriele Luccianti, il secondo di Paganuzzi che nell’estate del 2017 aveva preso in mano la squadra, nell’attesa del suo ritorno ha detto a fine partita: “Marco era praticamente tutto. Era il Quinto perché, dopo esserne stato giocatore, l’ha presa in mano portando la squadra maschile dalla Serie B alla Serie A1. Ha fatto tutto lui e il minimo che dovevamo fare oggi (ieri ndr) era fare una grande prestazione. Io credo che Marco da lassù ci abbia messo lo zampino.”

Per Luccianti, fiorentino, è un bel ritorno a casa visto che è stato un giocatore della Rari Nantes Florentia. “Rientrare in questo impianto è stata una grande emozione – ha concluso – Sono andato via da Firenze nel 2001 dopo aver perso la finale scudetto contro il Posillipo e dopo aver vinto la Coppa delle Coppe. Sono rimasto in Liguria ma Firenze è la mia città e ce l’ho nel cuore tanto che dopo aver visto il risultato della mia squadra vado a vedere quello della Florentia e tifo per la Fiorentina”. Prossimo impegno per i gigliati sabato prossimo in trasferta contro il Bogliasco.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here