Home Senza categoria Pioli non ha il coraggio di cambiare. Così la squadra si sta...

Pioli non ha il coraggio di cambiare. Così la squadra si sta spegnendo piano piano

252
0

La Fiorentina torna da Frosinone con il solito punticino. Un risultato giusto per gli errori che hanno messo in mostro i ragazzi viola ma una prestazione in generale che fa pensare. E’ arrivato ancora una volta il solito gol del capocannoniere grande  opportunista Benassi. Altrimenti in mancanza del solito rigorino la musica sarebbe stata diversa e molto triste.

LA SQUADRA NON GIRA 

A prima vista potrebbe essere colpa della squadra che non riesce a concretizzare il gioco che mette in mostra con i soliti passaggi laterali o indietro al portiere in modo da permettere alla squadra avversaria di organizzarsi e bloccare le azioni degli attaccanti. Troppo facile per le difese avversarie controllare l’attacco viola. Una volta fermato Chesa, controllato in due o tr, per il resto è un gioco da ragazzi. Simeone si sta rivelando un giocatore di media caratura, tanto che in queste ultime partite ha dimostrato di essersi scordato di come si stoppa la palla o quando si deve correre con la palla attaccata ai piedi per mettere in crisi i difensori avversari. E’ colpa dei giocatori? Non sembra, piuttosto di un tecnico che non dimostra di avere il coraggio di cambiare l’assetto della squadra e di conseguenza cambiare ruolo ad alcuni elementi che hanno dimostrato di saper giocare a calcio ma che Pioli continua a far giocare fuori ruolo. Il primo di questi è Gerson che non ha il passo per fare la mezz’ala, che non ha la forza di contrastare. Le poche volte (solo due) posizionato sulla fascia ha portato avanti palloni che potrebbero risollevare anche le quotazioni di Simeone.

LA DIPLOMAZIA (PRO CORVINO) DI PIOLI NON FA BENE ALLA FIORENTINA 

Pioli vuol cercare di rompere la tradizione che, fino ad ora, è stato sollevato dall’incarico (Lazo, Bologna, Inter). Ha capito che chi muove tutte le funi della Fiorentina è Corvino, forte del filo diretto che Diego Della Valle. Mettersi contro l’uomo del Salento, vuol dire rischiare di ripetere le avventure delle ultime tre squadre di serie A. Perchè crediamo che in cuor suo Pioli abbia capito che la scelta dei nuovi arrivati non è stata studiata per offrire al tecnico un organico  ben assettato. Invece no. Se è operato alla Corvino andando a scegliere nell’outlet del mercato.

Come? Vediamo   

Basta analizzare quanti giocatori che sono nati per giocare sulla fascia a sinistra (con Chiesa che può giocare anche a destra). Eccoli:  Mirallas, Pjaca, Chiesa, Eysseric, Sottil, Théréau + Gerson,.Non era forse più interessante rinforzare il centrocampo invece di portare a Firenze giocatori da ricostruire che per adesso stanno fallendo. A cominciare da Pjaca. 

Ma al centrocampo chi ci ha pensato? Specialmente come incontristi? Nessuno.A Corvino interessa solo l’affare. A 360 gradi. Poi si vedrà. 

PIOLI DEVE DIMOSTRARE DI AVERE GLI ATTRIBUTI

A questo punto Pioli deve fare una scelta. Pensare alla squadra, ai suoi tifosi o continuare a tenersi buono Corvino mandando in tribuna i vari Pjaca, Mirallas, Someone fino a quando non saranno pronti per far parte dell’organico. Altrimenti la Fiorentina rischia. In fase di salvezza fino a quando la difesa sarà in grado di reggere. Se arrivasse un periodo sul chiaro scuro per Pezzella e compagni saranno tempi amari per come è impostata la squadra. 

 

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here