Home STARBENE / GUSTO Ego Circus, tour guidato dai bartender fiorentini di tendenza nel mondo della...

Ego Circus, tour guidato dai bartender fiorentini di tendenza nel mondo della mixology

80
0

di Elisabetta Failla

Gabriele Frongia, ideatore di Ego Circus
Gabriele Frongia, ideatore di Ego Circus

Un tour tra le eccellenze fiorentine del “bere bene”. Ḕ Ego Circus, la rassegna ideata da Gabriele Frongia, che debutta oggi, giovedì 22 novembre, e terminerà a fine marzo che coinvolgerà i locali che nel giro degli ultimi anni hanno portato Firenze nell’olimpo delle città del buon bere miscelato. Il tour nel mondo della mixology fiorentina ha un nome particolare. “Abbiamo chiamato questa rassegna Ego Circus – ha spiegato Gabriele Frongia – perché Ego richiama l’eccentricità dei bartender, veri protagonisti della miscelazione, e Circus perché è un viaggio itinerante tra i locali più interessanti di Firenze”.

L’idea nasce anche e soprattutto per far conoscere ai fiorentini il mondo della miscelazione in una città che, insieme a Milano e Roma, risulta essere un punto di riferimento importante per il mondo della miscelazione grazie anche a iniziative come la Florence Cocktail Week che ha visto crescere moltissimo il livello dei cocktail bar in città, con un giusto mix di realtà affermate e di nuove aperture di livello.

Il segreto di questo successo sta anche nei grandi bar d’hotel, veri e propri templi della miscelazione, che grazie a un mix di clientela internazionale e appassionati cittadini sono riusciti a sperimentare, creare e valorizzare l’arte del bere consapevole. Altro fattore importante è l’ottimo clima che si respira in città tra i professionisti, senza guerre né invidie, ma con un rapporto di collaborazione e stima reciproca.

Si parte oggi dall’Empireo Ground Floor dell’hotel Plaza Lucchesi per toccare i migliori cocktail bar cittadini e – nel giro di 18 appuntamenti – vedrà all’opera i bartender più trendy, chiamati a mostrare al pubblico i propri cavalli di battaglia. “Approfittiamo di un periodo di bassa stagione per far conoscere ai fiorentini i locali di tendenza – ha proseguito Gabriele Frongia – ma è anche una crescita professionale per i bartender che partecipano all’iniziativa che potranno proporre per la prima volta i loro cocktail in altri bar”

Da novembre a marzo, infatti, sono nove le serate andata e ritorno (per un totale di 18 appuntamenti) che avranno come punto fermo L’Empireo Ground Floor. Per ogni serata organizzata presso il bar dell’hotel sul lungarno della Zecca Vecchia ne corrisponderà una “gemella” dietro al bancone del guest bartender, che vedrà uno dei ragazzi del Plaza Lucchesi tenere alto lo stendardo del suo bar in alcune delle location più amate dai fiorentini. Un’occasione di divertimento e di crescita per tutti, appassionati, curiosi ed addetti ai lavori.

Da Luca Picchi a Julian Biondi fino a Simone Corsini e Sasha Mecocci, i grandi bartender fiorentini si scambieranno di bancone, per far scoprire i loro talenti e le loro creazioni suddivisi in quattro drink list con un prezzo medio che va dai 10 ai 17 uro circa.

Serate dal forte impatto social, anche perché le foto condivise su Instagram con l’hashtag dedicato concorreranno per aggiudicarsi un invito alla serata successiva, mentre la foto che realizzerà più like di tutta la manifestazione vincerà l’invito alla serata conclusiva ed esclusiva a Villa Olmi.

Questo il programma della manifestazione: oggi, giovedì 22 novembre, sarà Simone Corsini, direttamente dall’Atrium Bar at Four Seasons, ad “aprire le danze”, per poi proseguire il 6 dicembre con un mostro sacro della miscelazione fiorentina: Luca Picchi del Caffè Gilli. Lo stesso mese, giovedì 20, in scena Sasha Mecocci del Fusion che affronterà la tematica della territorialità dei cocktail, mentre il 2019 si aprirà con Julian Biondi che il 17 gennaio porterà lo spirito irriverente del MAD in hotel per una sera. Il 31 gennaio sarà l’occasione per vedere lo staff del Rasputin per una notte fuori dal più segreto dei bar fiorentini, mentre il 14 febbraio San Valentino lo si festeggia con il Whisky di Manuel Perreto del Lovecraft, il primo whisky bar della città. Il 28 febbraio si parlerà di birra in miscelazione con i ragazzi del Black Lodge, mentre l’inizio di marzo vedrà dietro il bancone i “vicini di casa” del FUK. Si chiude a fine Marzo una serata Out Of Ordinary, grazie ai ragazzi di OOO allo Student Hotel.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here