Home Vetrina La Juventus non morde ma Pioli gli spiana la strada. Formazione e...

La Juventus non morde ma Pioli gli spiana la strada. Formazione e sostituzioni incomprensibili

177
0

FIORENTINA-JUVENTUS 0-3

Fiorentina (4-3-3): Lafont 4,5; Milenkovic 5,5, Pezzella 5,5, Vitor Hugo 6, Biraghi 5,5; Benassi 4,5 (20′ st Pjaca 5,5), Edimilson 5,5  Veretout 5,5; Gerson 6 (35′ st Thereau  sv), Simeone 4,5 Chiesa 5,5.A disp.: Dragowski, Norgaard, Laurini, Ceccherini, Hancko, Dabo, Sottil, Eysseric, Mirallas, Vlahovic. All.: Pioli 4,5

 

Juventus (4-3-3): Szczesny 6,5; De Sciglio 6,5, Bonucci 6,0, Chiellini 7,5, Cancelo 6,5; Cuadrado 6,5 (39′ st Douglas Costa sv), Bentancur 8, Matuidi 6,5; Dybala 6,5, Mandzukic 6 (43′ st Kean sv), Cristiano Ronaldo 7 (35′ st Bernardeschi sv).
A disp.: Perin, Pinsoglio, Barzagli, Benatia, Rugani, Spinazzola, Pjanic. All.: Allegri 7
Arbitro: Orsato
Marcatori: 
31′ Bentancur (J), 24′ st Chiellini (J), 34′ st rig. Cristiano Ronaldo (J)
Ammoniti: 
Mandzukic, Bentancur, Cristiano Ronaldo (J); Edimilson, Vitor Hugo, Milenkovic, Pezzella, Thereau, Veretout (F)

Nella foto Bentacur sta per scoccare il tiro. Nessun viola nei pressi con Lafont a metà strada a gambe divaricate ancor prima del tiro. Impossibilitato a muoversi. Infatti….

 

Fiorentina strapazzata nel punteggio (0-3), ma non riesce a mettere in difficoltà la Juventus, non tanto per la squadra di Pioli ma per il fatto che la squadra di Allegri ha fatto tre azioni. E tre gol. Nonostante quello che l’allenatore della Fiorentina ha dichiarato risulta difficile dare la sufficienza ai giocatori viola. Si è capito benissimo, a metà del primo tempo che la Juventus avrebbe vinto senza troppo impegno. La squadra di Pioli, come ormai avviene da molto tempo non riesce a verticalizzare dando spazio agli avversari. Se poi questa squadra si chiama Juventus il gioco è fatto. A metà del primo tempo la Fiorentina ha iniziato con il suo di passaggi in orizzontale  centrocampo. Tornando spesso indietro al portiere. Per frtuna la Juve non era la juve altrimenti sarebbe stata una debacle completa.  Gli uomini di Pioli non hanno impensierito gli avversari se non nei rimim minuti. Poi niente. Le carenze offensive si sono fatte sentire ancora una volta. Nel primo tempo, al 31′ Betancur fa il break che mette i bianconeri un passo avanti con un tiro da lontano che trafigge Lafont. I viola sostengono la partita anche per la prima fase del secondo tempo, con spunti incoraggianti e momenti buoni in attacco anche se non incisivi come servirebbe. Poi però la Juventus consolida ampiamente il vantaggio grazie a due reti. Al 24′ del secondo tempo Chiellini in mezza girata spinge in porta la palla e col gol dell’ex raddoppia. Al 34′ del secondo tempo Ronaldo trasforma un rigore concesso dall’arbitro Orsato per un tocco di braccio di Edimilson Fernandes in area su cross di Manzdukic.

SCELTE FATTE PESCANDO DAL BUSSOLOTTO DEL LOTTO

Lafont ha dimostrato ancora una volta di non essere pronto per il campionato italiano.Spesso è indeciso, atnto da mettere in difficoltà i colleghi della difesa. Sul rigore di Ronaldo niente da dire, ma sugli altri due molta colpa va al portiere francese. 

Le insufficienza dell’intera squadra può dipendere dagli stessi giocatori, ma per avere la certezza bisognerebbe che Pioli gli utilizzando secondo schemi ben precisi. E  non giocando alla meno. Ci vuole coraggio nella scelta dei giocatori da mandare in campo. Corvino permettendo.  La cartina di tornasole arriva dall’utilizzo di Thereau , lasciato nel dimenticatoio a lungo se non per motivi ignoti è tornato a “riveder le stelle” passando avanti ad altri che dall’inizio del campionato si impegnano con costanza per vedersi poi passare avanti un desaparesido. Il modo migliore per rompere l’ambiente degli spogliatoi 

Oltre 40.000 gli spettatori presenti allo stadio Franchi.

 

 

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here