Home Vetrina Un contenitore che cambia, per il tema portante di Pitti Uomo 95...

Un contenitore che cambia, per il tema portante di Pitti Uomo 95 è The Pitti Box

127
0

 

MISSIONE GLOBETROTTER

Il nomade metropolitano diventa archetipo dell’uomo contemporaneo. Tra le strade lucide di pioggia e lo skyline dei grattacieli della City, un viaggio anche solo virtuale ispira outfit modulabili e reversibili, borse trasformabili, pensieri flessibili progettati per un quotidiano di mutevolezza perenne. È lo stile di una generazione pronta ad impadronirsi di un linguaggio autonomo, in stretto rapporto con il design ma lontano dai diktat dell’originalità a tutti i costi. Mix di tessuti e concetti creano l’alchimia perfetta: il formale mixa lo sportswear, il naturale trova esaltazione accanto al tecnico, il chiaro definisce lo scuro. Risultato, una formula di outfit modulare e intercambiabile, di estrema sintesi, capace di adattarsi ad ogni occasione, dall’asfalto all’aereo, dall’ufficio alla gym. I requisiti di trasversalità e versatilità sono protagonisti su capi confortevoli e performanti, zero gravity, zero cuciture, facili da lavare. Travel kit essenziali, accessori intelligenti e polivalenti, come lo zaino che si porta al braccio, il marsupio crossbody o la weekend bag con i pezzi contati all’interno. Il lusso del nuovo dandy non rinuncia a dettagli magistrali e atmosfere di charme, ma li subordina ai contenuti di leggerezza e performance su field jacket di cashmere dall’anima tecnologica e parka in seta dal trattamento antigoccia.

 

ARMADIO PERSONALE

Ricerca ed eleganza si allineano nell’equilibrio di un guardaroba personale, quasi intimo, che supera i luoghi comuni del copia e incolla. Una declinazione basica di modelli, tonalità e pattern messa a punto per rispecchiare lo stile di chi li indossa. È un’estetica all’insegna dell’understatement, che prende le distanze dagli standard di età e stagionalità, traducendosi in capi amati perché vissuti, palette minime, abbinamenti easy. Tra radici rassicuranti ed esperienze che forgiano, self-awareness e soggettività, completi che oscillano tra formale e informale, giacche dalle forme soft arricchite da dettagli sofisticati. Tessuti di matrice brit combinati o sovrapposti a micro stampe, pantaloni urban nobilitati da blazer rubati all’armadio dello zio. Texture classic retrò su camicie tramate di interventi customizzati, righe sottili e check. Giacche tailored e pezzi knitwear rivelano il corpo senza evidenze, rimodulando la figura secondo un gusto individuale.

 

DALLE STRADE DI TOKYO, LO STILE “URBAN BEYOND”

Uno stile proiettato al futuro che fonda nuove uniformi dal tratto tecnico, esprimendosi attraverso silhouette aerodinamiche e un tailoring preciso. Tra inclinazione fashion e funzione, è un’esplorazione che rompe gli schemi del menswear tradizionale, sfidando gli stereotipi di genere attraverso volumi, proporzioni e layering. Nate da una ricerca sartoriale sempre più accurata, collezioni che traggono ispirazione dalle strade di Tokyo e accoppiano tessuti tecnici, lane e cotoni in look da Ski Warrior. E ancora, t-shirt come tele da indossare, print unici, maglieria ricca di texture, parka over da montagna si accostano a urban boots di nuova generazione e a sneakers high top dal design futuristico. In un dress code disegnato per i nuovi globetrotter spiritual-metropolitani, un alfabeto di stile espressamente dedicato a coloro che vivono in maniera intensa le metropoli e i colori della notte.

 Tendenze _ INFORMALE

La SVOLTA ECO- TECNOLOGICA

L’eco-sostenibilità diventa key word globale. La ricerca tocca nuovi livelli di sperimentazione tecnologica, applicandosi a materiali creativi e alternativi, provenienti dalla pratica virtuosa del riciclo ma non solo. Nascono collezioni amiche dell’ambiente, riciclabili a loro volta, sempre sorprendenti. Reti da pesca scartate, bottiglie di plastica post-consumo, pneumatici usurati, cotone post-industriale e perfino fondi di caffè si trasformano in capispalla, costumi da bagno, sneaker e accessori resistenti, lavabili e duraturi. All’anima eco si unisce un’estetica curata che non deroga allo stile, ma inserisce dettagli futuristici come termonastrature, tessuti catarifrangenti e tagli laser. Il tema ecosostenibile interpreta i gusci esterni di capi outerwear che racchiudono fodere in lana derivate da scarti tessili, eco-pelliccia e imbottiture in piuma sintetica, di PET riciclato per uguagliare le performance termiche e di vestibilità della vera piuma. Cresce il numero di aziende impegnate in una produzione attenta al risparmio energetico, che elimina gli sprechi e limita i consumi. E ancora, la cultura del denim evolve verso un pubblico consapevole, con tele realizzate da impianti a basso impatto ambientale che riducono gli agenti inquinanti e le emissioni di CO2, producendo un notevole risparmio dell’acqua utilizzata. I tessuti subiscono lavaggi naturali e le tinture puntano su sostanze atossiche, biocompatibili e biodegradabili.

 

POLE EXPLORER, MOUNTAIN HI-TECH O URBAN SCUBA: TRE SINONIMI DI INVERNO

Un’escursione al Polo Nord e un immaginario Mountain Hi -Tech si uniscono per raccontare un viaggio in alta quota che esalta capi tecnici, progettati con materiali leggeri e innovativi per proteggersi dalle condizioni di meteo estreme. La down Jacket e il Parka scoprono nuove vite attraverso le performance dei nylon di ultima generazione, mentre trench e capispalla caldissimi e anti intemperie, sfruttano al meglio l’elasticità dei tessuti. Interni imbottiti e funzionali, dotati di multi-pocket, in rete e zip profilate a contrasto, accolgono device tecnologici ma anche soluzioni provenienti dal repertorio di sci e snowboard. Dall’altro lato, si fa strada un mood più Urban dal tratto tecnico, minimale e funzionale, che segue la suggestione delle discipline acquatiche, dal kite alla pesca subacquea. Linee clean, tessuti superlight e bi-stretch su giacche multistrato da indossare con e senza warmer, con termonastrature a vista e dettagli in scuba e neoprene. Ai piedi, agili suole running sono accorpate a tomaie e allacciature che guardano alle forme e alle tecnologie degli sport di montagna.

 

ACTIVE DOWNTOWN: BACK TO EIGHTIES

Richiami al vintage sport e alla leggerezza degli anni ‘80 riportano alla superficie applicazioni e ricami d’archivio sulle maglie, mentre la riedizione di modelli iconici traccia l’heritage glorioso delle sneakers. Un mood streetwear, con felpe basiche e hoodies logate alternate a polo d’ispirazione college, vivacizzate da colori forti e dettagli a contrasto. La versatile felpa-camicia è votata a un pubblico giovane e originale. La camicia in flanella a quadri slim fit si abbina a felpe e denim usurati per un look dal cuore grunge. Su tutto, il piumino anni ‘80 dalla vestibilità over, archetipo del casualwear. E ancora, la giacca imbottita in nylon iperlight accoglie dettagli sporty su polsini o bande laterali, la down jacket reversibile diventa un caldo orsetto oppure è un piumino che si presta ad essere usato come sottogiacca o nelle mezze stagioni, accanto al chiodo in montone. Pantaloni e giacche sportive in tessuto tecnico esibiscono i cromatismi dell’atletica, optano per un gusto aggiornato dalle inflessioni biker.

Testi realizzati grazie al contributo delle aziende espositrici.

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here