Home FOCUS Prorogato il blocco dei mezzi più inquinanti fino a mercoledì 16 gennaio

Prorogato il blocco dei mezzi più inquinanti fino a mercoledì 16 gennaio

79
0

Prorogata fino a mercoledì 16 gennaio l’ordinanza antismog emessa dal Comune di Firenze e dai Comuni dell’agglomerato urbano (insieme al capoluogo i Comuni di Bagno a Ripoli, Calenzano, Campi Bisenzio, Lastra a Signa, Sesto Fiorentino, Signa e Scandicci) che prevede il blocco dei mezzi più inquinanti e una serie di misure, di seguito dettagliate, di limitazione del traffico a tutela della salute dei cittadini. 
Il nuovo bollettino Arpat ha comunicato che si sono verificate nell’area le condizioni per l’attribuzione del valore 2 all’Indice di Criticità per la Qualità dell’aria: sono stati rilevati 6 superamenti del valore limite per la media giornaliera del Pm 10 (polveri sottili) negli ultimi 7 giorni e per 1 giorni non sono previste condizioni meteo favorevoli alla dispersione degli inquinanti. 
Questa situazione impone di emettere l’ordinanza di blocco dei mezzi più inquinanti che prescrive anche il divieto, in ambito domestico, di accensione di caminetti, stufe, termocamini o termostufe alimentati a legna, qualora non rappresentino il principale sistema di riscaldamento. E ancora la riduzione del periodo giornaliero di funzionamento degli impianti di riscaldamento individuali, a cura del proprietario, condominiali a cura dell’amministratore di condominio o del terzo responsabile dell’impianto termico (tutti gli impianti potranno rimanere in funzione al massimo per otto ore giornaliere). 
Previsto anche il divieto di circolazione dalle 8.30 alle 12.30 e dalle 14.30 alle 18.30 nei centri abitati. Le limitazioni sono valide per le seguenti categorie di veicoli: motocicli a 2 tempi Euro 1; autovetture a benzina Euro 1 e a diesel Euro 2 ed Euro 3, veicoli diesel Euro 1 ed Euro 2 per il trasporto merci. 
I provvedimenti dureranno cinque giorni e non si interromperanno se il meteo migliorerà.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here