Home VETRINA Fiorentina domina nel secondo tempo il Cagliari (4-1) Le nostre pagelle,...

Fiorentina domina nel secondo tempo il Cagliari (4-1) Le nostre pagelle, il video dei gol, gallery con 50 foto

admin
878
0
Jovetic dopo il gol

Fiorentina-Cagliari 4-1 (1-1)

Fiorentina (3-5-2): Viviano  Roncaglia  Gonzalo  Tomovic , Cuadrado  (40′ st Cassani sv), Romulo , Pizarro , Borja Valero , Llama  (16′ st Aquilani 6), Toni , Jovetic  (18′ st El Hamdaoui 6). (89 Neto, 3 Hegazy, 5 Olivera, 15 Savic, 14 Mati Fernandez, 17 Seferovic, 21 Migliaccio, 23 Pasqual, 22 Ljajic). All.: Montella 7.5.                                                                                                                    Cagliari (4-3-1-2): Agazzi 5, Pisano 4.5, Rossettini 4, Astori 4, Mussu 4, Dessena 4.5, Ekdal 5, Casarini 6, Cossu 5 (27′ st Eriksson sv), Thiago Ribeiro 5.5 (7′ st Pinilla 5), Sau 6 (22′ st Ibarbo 5). (26 Anedda, 18 Nene’, 24 Perico, 34 Del Fabbro). All.: Pulga 5.

Arbitro: Calvarese di Teramo 5.5. Reti: pt 14′ Gonzalo Rodriguez, 42′ Casarini; st 5′ Jovetic, 9′ Toni, 39′ Cuadrado. Angoli: 4 a 1 per la Fiorentina. Recupero: 1′, 1′. Ammoniti: Roncaglia, Rossettini, Pizarro per gioco falloso. Spettatori: 19.533, incasso 259.333 euro (paganti 6005, incasso 64.005; abbonati 12.636, quota 176.703, voucher ‘in viola’ 892, quota 18.18.625).     I  GOL (VIDEO) 14′ pt: Angolo battuto da Borja Valero che Gonzalo Rodriguez raccoglie prontamente e di testa schiaccia a rete portando i viola in vantaggio. – 42′ pt: Punizione di Cossu, Casarini tira e trafigge Viviano con la complicita’ di una presunta deviazione di Roncaglia all’interno di un’area affollata. L’arbitro dapprima annulla per una sospetta posizione di fuorigioco di Ekdal, poi pero’ convalida sulle proteste dei sardi e la segnalazione del guardalinee Liberti e l’arbitro di porta Gianicola. – 5′ st: La Fiorentina torna avanti con Jovetic che approfittando di uno svarione difensivo dei sardi spedisce in rete un angolo battuto ancora con precisione da Borja Valero. – 9′ st: Terzo gol dei viola con Luca Toni ben imbeccato da Jovetic al termine di un’applaudita azione in contropiede. – 39′ st: Il Cagliari sbaglia un passaggio, ne approfitta Cuadrado che fa partire un morbido pallonetto sul quale nulla puo’ Agazzi

LE NOSTRE PAGELLE

VIVIANO 6: Impegnato da Cossu, sull’1-0, risponde presente. Sul gol non ha colpe perché Roncaglia lo mette fuori tempo con una deviazione. Poi ci pensa Tomovic a salvarlo nel finale. Qualche difetto in fase di rilancio, ma nel pomeriggio festoso del Franchi è un dettaglio trascurabile.
RONCAGLIA 6,5: Arcigno come sempre e anche ammonito in un inizio un po’ incerto. E’ suo il tocco che inganna Viviano sul gol del Cagliari, ma dopo l’intervallo torna la muraglia umana amata dalla Fiesole che gli tributa anche un bel coro
GONZALO RODRIGUEZ 7: Dopo il gran lancio di Marassi, stavolta decide di fare tutto da solo: stacco imperioso sugli sviluppi di un corner che vale il suo secondo gol stagionale. Guida la difesa con intelligenza e non sbaglia quasi niente.
TOMOVIC 6,5: Torna titolare dopo la pausa di riflessione di Genova. Una sosta che gli ha fatto bene perché è concentratissimo e reattivo negli interventi. Soprattutto nella ripresa quando salva un gol fatto del Cagliari che poteva riaprire la contesa.
CUADRADO 7,5: Quarantacinque minuti al piccolo trotto, giusto per riprendere fiato e scatenarsi nella seconda frazione. Semina il panico nella retroguardia sarda e probabilmente Pisano e compagni lo stanno ancora cercando. Accelerazioni, colpi di classe e pure un gol da cineteca, con tanto di danza caraibica per festeggiarlo. Uno giocatore spettacoloso che sarà bene riscattare al più presto dall’Udinese.                                                                               Dal 39’ st CASSANI s.v.: Qualche minuto per ritrovare la confidenza con la partita vera da cui mancava da molto tempo. Ma con un Cuadrado così è dura trovare spazio.
PIZARRO 7: In dubbio alla vigilia, è regolarmente nell’undici titolare. E Montella fa la scelta giusta perché il “Pek” è determinante con la sua sapiente gestione della palla che incanta il pubblico del Franchi. Rispetto al solito ci mette anche molto sacrificio nella fase di copertura. Tanto per non farsi mancare niente.
BORJA VALERO 7: Due assist e una prestazione sontuosa con la quale conferma, se ce ne fosse bisogno, di essere un autentico top player della serie A. Sa sempre cosa è giusto fare, in ogni fase della gara. Una dote che appartiene solo ai grandi giocatori.

ROMULO 6,5: Corre come un indiavolato nel cuore del centrocampo viola. Un moto perpetuo che crea problemi al Cagliari, ma quando si tratta di concludere l’azione non è sempre lucido e c’è da capirlo.

LLAMA 5,5: Debutta in maglia viola e il paragone con il Pasqual di oggi pesa come un macigno. L’inizio è da brividi con traversoni sparati in curva e anche la copertura sulla fascia è scarsa. Un po’ meglio nella ripresa, quando le maglie del Cagliari si allargano. Da rivedere. Dal16’st AQUILANI 6: Conferma i progressi già mostrati a Genova e aumenta il minutaggio. Gli manca ancora la brillantezza, ma non ha certo dimenticato come si giostra il pallone. Sfiora pure il gol di testa.

JOVETIC 7,5: Primo tempo opaco e senza nerbo. Tanto che ti chiedi cosa gli sia successo. Poi sfoga tutta la sua rabbia in avvio di ripresa, quando scarica alle spalle di Agazzi il pallone del 2-1. L’esultanza è altrettanto rabbiosa, un calcio ai cartelloni pubblicitari come a dire: “Sono ancora io”. Da quel momento torna dirompente e serve anche a Toni la palla del tris su un piatto d’argento. Esce per un leggero infortunio tra i cori della Fiesole.  Dal17’st EL HAMDAOUI 6: Cerca disperatamente il primo gol in viola, ma la foga lo tradisce proprio sul più bello.

TONI 7: Primo tempo di sofferenza e botte (ricevute). Ripresa brillante col prelibato condimento di un gol, regalatogli dal compagno Jovetic. La novità è che regge tutta la partita senza mostrare segnali di cedimento fisico. Qualcosa di davvero incredibile per uno che era dato per finito.

MONTELLA 7: La sua Fiorentina non gioca come dovrebbe nel primo tempo e lui l’aveva detto: “attenzione ai cali di concentrazione”. Probabilmente bacchetta i giocatori viola nell’intervallo, così la squadra si trasforma e torna a essere il più bel giocattolo della serie A. Per lui c’è il primo coro, convinto, da parte della Fiesole. Adesso è davvero nel cuore di tutto il popolo viola.

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui