Home VETRINA Montolivo-Amauri. Due casi, troppe influenze esterne

Montolivo-Amauri. Due casi, troppe influenze esterne

admin
408
0
Montolivo
Ospite ai microfoni di Lady Radio, il procuratore Carlo Pallavicino ha fatto il punto sul futuro di Riccardo Montolivo: “Non mi risultano richieste del Milan per averlo subito. C’è ancora tempo da qui alla fine del mercato ma non è una trattativa che può andare in porto in poche ore. Personalmente credo che andrà via da Firenze dopo aver ristabilito la verità sul suo caso. Molti dovranno ricredersi sul suo conto”. Le affermazioni di Pallavicino non gettano certamente acqua sul fuoco rimettendo in primo piano tutta la questione del giocatore di Caravaggio. Polemiche che ormai erano andate nel dimenticatoio che Pallavicino ha voluto, in questo momento delicato, riportare in auge. Con quali scopi? Certamente il messaggio che le colpe del trasferimento del giocatore a parametro zero siano dipese da altri. E da chi se non dai dirigenti viola secondo il messaggio di Pallavicino.
Amauri 
Amauri alla Fiorentina: entro le 16 – riporta Datasport – l’attaccante brasiliano darà una risposta definitiva. Amauri sta decidendo se accettare un contratto fino a giugno senza chiedere il prolungamento per altre due stagioni.  Nonostante quello che scrivono in molti la questione Amauri è molto più ampia di quanto possa sembrare. La Fiorentina non vuole certamente investire in un giocatore di 31 anni che la Juventus ha messo fuori rosa. Quanto costerebbe l’operazione Amauri? Certamente più di 2 milioni di euro per solo 5 mesi. E’ valido rischiare tanti soldi su un giocatore che ha superato la trentina? Forse non è meglio puntare su qualche attaccante più giovane che costerebbe di più, ma che potrebbe rendere per più tempo. Queste le riflessioni della società che dovrebbero diventare punti fermi anche per la tifoseria.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui