Home MAGAZINE In crescita gli “intossicati” dai videopoker

In crescita gli “intossicati” dai videopoker

admin
412
0

C’e’ stato chi, giocando d’azzardo online, e’ riuscito ad accumulare debiti per un milione di euro, e chi, in un solo giorno, e’ riuscito a farsi ‘mangiare’ dai videopoker oltre 8000 euro. Questi due dei casi di dipendenza dal gioco, avvenuti a Firenze nel 2011 ed emersi oggi durante la presentazione in Palazzo Vecchio della campagna di informazione e sensibilizzazione ‘Alea’, promossa dalla Regione e sostenuta anche dal Comune del capoluogo toscano. Proprio a Firenze, e’ stato spiegato, i giocatori ‘patologici’ continuano ad aumentare: mentre nel 2010 ai centri Sert cittadini, dove e’ attivo un team che si dedica esclusivamente a questo tipo di problematiche, si erano rivolte 128 persone con ‘intossicate’ dal gioco d’azzardo, lo scorso anno tale numero e’ salito a 159. Tra questi, in base ai dati raccolti dai servizi sociali comunali, 129 sono uomini (76,5%) e 30 donne (23,5%); l’ eta’ media e’ di 45 anni. Rispetto alle altre tipologie di utenti Sert, come tossicodipendenti e consumatori di sostanze illegali i giocatori tendono ad avere una scolarizzazione piu’ avanzata. Il 68% ha un’occupazione stabile, l’80% vive con il proprio stipendio; il 55% vive in famiglia. ”Quella del gioco compulsivo e’ una piaga in crescita costante che sta assumendo una dimensione drammatica – ha lanciato l’allarme l’assessore alle politiche sociosanitarie Stefania Saccardi nel corso della presentazione di stamani – anche per colpa della televisione, che talora promuove in vari modi il gioco d’azzardo. Compito di un ente pubblico – ha concluso – e’ al contrario quello di scoraggiarne con forza ogni forma, ed e’ quello che stiamo cercando di fare attraverso la nostra campagna”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui