Home News Vivere l’esperienza del terremoto, ad ETE il simulatore che riproduce le scosse...

Vivere l’esperienza del terremoto, ad ETE il simulatore che riproduce le scosse sismiche

Avatar
66
0

Sperimentare sulla propria pelle gli effetti del terremoto, per comprendere meglio il fenomeno e poter prevenire danni importanti, in caso di nuove scosse. L’esperienza può essere vissuta all’Earth Technology Expo di Firenze (Fortezza da Basso, fino al 16 ottobre), la più completa esposizione che mette in mostra la straordinaria capacità del nostro Paese di saper creare, innovare e trovare soluzioni per la grande sfida climatica e per avviare in Italia la transizione ecologica e digitale e la sicurezza dai disastri ambientali.
È qui, infatti, che il Dipartimento della Protezione Civile ha allestito la mostra “Terremoti d’Italia”, all’interno della quale sono presenti due simulatori che riproducono un terremoto realmente accaduto (quello de L’Aquila, di magnitudo 6.1), per mostrare gli effetti su edifici e persone. Nello specifico la mostra si articola in più sezioni: si parte dalla conoscenza del fenomeno fisico e dagli strumenti utilizzati per misurarne la forza, per passare poi alla storia e alla pericolosità sismica del nostro Paese, per affrontare i temi della vulnerabilità delle città e delle costruzioni, degli accorgimenti per rendere più sicura la propria abitazione, dei comportamenti da adottare prima, durante e dopo situazioni di rischio, arrivando poi a due spettacolari simulatori sismici, appositamente progettati per riprodurre il movimento del terremoto. All’interno della stanza sismica i visitatori possono vivere, in piena sicurezza, l’esperienza del terremoto, osservandone direttamente e da vicino gli effetti. Al termine del percorso espositivo è presente, infatti, una piattaforma vibrante, sulla quale sono stati riprodotti alcuni edifici identici per altezza e struttura, ma dotati di tecnologie diverse: uno costruito in cemento armato antisismico, mentre l’altro simula un edificio sempre in cemento armato, ma dotato di specifici isolatori antisismici. Una volta attivata la piattaforma viene riprodotta esattamente la scossa di terremoto. Il visitatore può così testare come viene percepita la scossa se si trovasse al primo e, successivamente, al quarto piano dell’edificio sprovvisto di simulatori. Dopo di che si passa alla simulazione sull’edificio provvisto di simulatori antisismici, dove la scossa viene percepita in modo notevolmente più attenuato. Questo ovviamente grazie ai dispositivi che lavorano alla base dell’edificio e grazie ai quali, in caso di terremoto, la struttura resta isolata dal terreno, come se “fluttuasse”. “Oggi le case dei cittadini aquilani, ricostruite dopo il sisma del 2009, sono realizzate con questi dispositivi
spiegano i funzionari addetti al funzionamento della mostra Terremoti d’Italia. – Questa tecnologia, però, può essere applicata non soltanto alle nuove costruzioni, ma anche agli edifici storici e già esistenti, consentendo una protezione completa del nostro patrimonio da eventuali nuovi fenomeni”.
La mostra può essere visitata, gratuitamente, fino a sabato 16 ottobre, all’interno del padiglione “Rastriglia” nell’ambito di Earth Technology Expo.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui