Home Ultim'ora Ucraina, Kiev: “Onu e Aiea verifichino presunta preparazione bomba sporca”

Ucraina, Kiev: “Onu e Aiea verifichino presunta preparazione bomba sporca”

Adnkronos
117
0

(Adnkronos) – Il ministro della Difesa ucraino Alexei Reznikov ha invitato gli osservatori delle Nazioni Unite e dell’Agenzia internazionale per l’energia atomica a visitare il Paese a seguito delle recenti accuse russe secondo cui Kiev starebbe preparando una “bomba sporca”. 

“L’idea di una ‘bomba sporca’ ci disgusta. Pertanto, invitiamo le missioni dell’Onu e dell’Aiea a visitare l’Ucraina”, ha scritto Reznikov su Twitter, aggiungendo che “il mondo deve rispondere al ricatto nucleare russo. Chiediamo l’adesione al paragrafo 4 del Memorandum di Budapest”, ha aggiunto, riferendosi alla richiesta di entrare a far parte del Consiglio di sicurezza dell’Onu per ricevere aiuto di fronte alle minacce nucleari, “provocazioni”, le ha definite, che “sono una ragione sufficiente per prendere rigorose misure preventive”. 

“Le bugie su una ‘bomba sporca’ che l’Ucraina si starebbe preparando a usare fanno parte delle solite tattiche del Cremlino, in cui i criminali russi cercano di incolpare preventivamente la vittima dell’aggressione per il proprio crimine”, ha affermato il ministro. 

“Credo che ora il mondo dovrebbe reagire il più duramente possibile” ha scritto ieri il presidente ucraino Volodymyr Zelensky, smentendo con forza le affermazioni di Mosca secondo cui Kiev sarebbe intenzionata a inscenare una provocazione utilizzando una ‘bomba sporca’. Riferendosi ai colloqui avuti sul tema dal ministro della Difesa russo, Sergei Shoigu, Zelensky ha sottolineato: “Quando il ministro della Difesa russo allestisce un carosello telefonico e chiama i ministri degli Esteri con storie sulla cosiddetta bomba nucleare sporca, tutti capiscono tutto bene. Capiscono chi è la fonte di tutte le cose sporche immaginabili in questa guerra. Ovunque la Russia abbia portato morte e degrado, stiamo tornando a una vita normale”, ma “ovunque la Russia vada, lascia fosse comuni, campi di tortura, città e villaggi distrutti, terre minate, infrastrutture distrutte e disastri naturali. E se qualcuno può usare armi nucleari nella nostra parte d’Europa, allora è solo un’entità – e questa entità ha appena ordinato al compagno Shoigu di fare scalo lì da qualche parte”. 

“Respingiamo le notizie sulle accuse palesemente false del ministro Shoigu secondo cui l’Ucraina si sta preparando a usare una bomba sporca sul proprio territorio”, ha detto dal canto suo la portavoce del Consiglio per la sicurezza nazionale Usa Adrienne Watson.