Home ULTIM'ORA A Cosmoprof sorpassati numeri pre covid, BolognaFiere: “Manifestazione ammiraglia”

A Cosmoprof sorpassati numeri pre covid, BolognaFiere: “Manifestazione ammiraglia”

Adnkronos
170
0

(Adnkronos) – Sono 2.984 le aziende presenti (+11% rispetto al 2022, 35% di nuove aziende rispetto al periodo pre-pandemia), provenienti da 64 paesi, operatori attesi da quasi 150 paesi, 29 collettive nazionali. Sono questi i numeri della 54a edizione di Cosmoprof Worldwide Bologna, l‘evento B2B di riferimento per l’industria cosmetica in programma dal 16 al 20 marzo 2023 a Bologna. 

“Il Cosmoprof si sta presentando nel migliore dei modi – commenta Gianpiero Calzolari, Presidente di BolognaFiere – Abbiamo quasi tremila espositori, aspettiamo molti visitatori. Soprattutto ricominciano gli espositori internazionali. Abbiamo di nuovo i cinesi che mancavano sul panorama italiano da parecchio tempo. La città è piena, non solo la città, direi tutto il territorio dell’Emilia Romagna, forse anche qualche territorio vicino. La fiera si presenta molto bene, molto bella, c’è una grande voglia di presentarsi nel migliore dei modi. Per noi un po’ l’ammiraglia della nostra flotta, diciamo la fiera forse più importante, quello che ci caratterizza nel mondo, che ci ha consentito anche di uscire dai confini nazionali e andare a livello internazionale. Bologna è la fiera che ha la dimensione internazionale più considerevole l’Italia ci sono tutte le premesse per una buona edizione 2023”. 

Cosmoprof Worldwide Bologna attirerà in città buyer da più di 50 paesi, grazie anche al supporto delle agenzie Ice che operano nei mercati di riferimento per l’industria cosmetica. Delegazioni di compratori, retailer e distributori provenienti dai principali mercati emergenti e maturi, tra cui Nord America, Europa, Medio Oriente, Asia e Oceania, visiteranno la fiera alla ricerca di nuove proposte e soluzioni distributive. E’ inoltre con piacere che torniamo ad accogliere aziende e operatori da Cina e Taiwan, fino a pochi mesi fa impossibilitate ad uscire dai rispettivi paesi. La loro presenza riposiziona definitivamente Cosmoprof come osservatorio mondiale per gli stakeholder. 

“In questi giorni verranno presentati i trend e anche una visione dei prossimi cinque anni di quello che pensiamo che l’industria cosmetica farà – commenta Enrico Zannini Direttore generale BolognaFiere Cosmoprof- i trend sono molto legati alla sostenibilità e anche alla tecnologia. Queste sono le due caratteristiche che troveranno i nostri operatori quando parteciperanno alla presentazione di queste iniziative.” I dati preconsuntivi sul 2022 vedono il fatturato totale del settore cosmetico in Italia superare i 13 miliardi di euro; un valore che, secondo le stime sul 2023, oltrepasserà i 14 miliardi con un incremento di oltre 2 miliardi rispetto ai valori pre-Covid. 

“Questo è un appuntamento che deve avere tutto il sostegno del governo, della politica – sottolinea il ministro del Turismo Daniela Santanchè ospite della cerimonia di apertura – Ormai sono decenni che viene fatto e ogni anno in crescita. Direi oltretutto che dai dati che mi hanno dato questo è l’anno del sorpasso, perché sta andando meglio ancora di più rispetto ai dati della pandemia è un settore che per il Pil è perché l’azienda la filiera cosmetica. Sono trentatré miliardi a un dato interessante perché c’è una maggioranza di occupazione femminile e l’altro dato interessante che investono molto sulla ricerca e sullo sviluppo. Le fiere sono un segmento importantissimo per il turismo perché portano un turismo di qualità. Oltretutto aiutano a destagionalizzare i flussi turistici perché non vengono fatte nelle settimane canoniche delle vacanze. Quindi questo è un altro elemento importante”.  

L’industria del beauty, del wellness, della cosmetica, della farmaceutica, commenta il ministro dell’Università e della ricerca Annamaria Bernini, “sono un fiore all’occhiello della nostra imprenditoria italiana. Sono un grande saper fare italiano, Sono parte di in Italy sono un indotto straordinario. La più parte dei marchi, dei brand foreign sounding che sembrano stranieri, in realtà sono prodotti in Italia. Questa è una cosa che ci rende orgogliosi e vi posso assicurare che non è la mia presenza. Non è casuale, perché dietro questi prodotti, cioè tanta ricerca, cioè tanto laboratorio c’è, tanta università, non sono solo prodotti. Sono percorsi produttivi di eccellenza che a volte hanno più brevetti della Nasa”. 

Alla cerimonia di inaugurazione di Cosmoprof Worldwide Bologna hanno partecipato Gianpiero Calzolari, Presidente di BolognaFiere; Massimo Bugani, Assessore all’Innovazione Digitale e Dati del Comune di Bologna; Stefano Bonaccini, Presidente Regione Emilia Romagna, Matteo Zoppas, Presidente Agenzia Ice, Roberto Luongo, Direttore Generale Agenzia Ice. Sono inoltre intervenute il Ministro dell’Università e della Ricerca, Sen. Anna Maria Bernini, e il Ministro del Turismo, Sen. Daniela Santanché, in rappresentanza del Governo.