Home PRIMO PIANO Madonna di Loreto, dipinto di fine ‘800 rubato venerdì 17 recuperato dai...

Madonna di Loreto, dipinto di fine ‘800 rubato venerdì 17 recuperato dai Carabinieri. Denunciato l’autore.

admin
215
0

Al termine di serrate indagini, i carabinieri della Stazione di Firenze Uffizi, supportati dai colleghi del Nucleo Carabinieri Tutela Patrimonio Culturale di Firenze hanno individuato il presunto autore del furto alla Basilica di San Lorenzo e recuperato il dipinto della Madonna di Loreto. Esaminando i filmati video registrati dalle telecamere a circuito chiuso della Basilica e da quelle del sistema di videosorveglianza comunale, i militari hanno accertato che il 15 marzo scorso, tra le ore 12.00 e le ore 12.30, durante la pausa pranzo degli operai impiegati in un intervento di restauro, un soggetto, dopo aver aperto la porta di accesso ai locali seminterrati, si dirige nella stanza in cui si trova l’altare della Compagnia delle Stimmate e, poco dopo, esce con il dipinto sotto il braccio destro, allontanandosi dalla Basilica in direzione di Via dei Gori per poi giungere fino a Via Gino Capponi, dove viene perso di vista per l’assenza di ulteriori telecamere.
Già dalla visione di tali immagini i sospetti dei militari inquirenti si concentrano su un 35enne di origine campana, senza fissa dimora, già noto perché gravato da numerosi precedenti specifici, per uno dei quali lo stesso è, in atto, sottoposto alla misura cautelare dell’obbligo di presentazione proprio presso la Stazione Carabinieri di Firenze Uffizi.
L’ipotesi investigativa veniva confermata dalla visione delle immagini del sistema di videosorvteglianza della predetta caserma, in esito alla quale si accertava che, il 14 marzo, ovvero il giorno precedente al furto, in occasione della presentazione a quegli uffici per apporre la firma, il 35enne indossava gli stessi abiti del soggetto che si allontana con il dipinto sottobraccio: in particolare coincidono il giubbotto, le scarpe i pantaloni e lo zaino di colore rosso indossato.

Al momento dell’obbligo di firma i carabinieri della tutela del patrimonio hanno accusato il 35enne di aver il dipinto Dipinto,  di Avuta la confessione  si decideva di procedere nei confronti dell’uomo. Denunciato l’autore è stato invitato a restituire la tela.  A questo punto decide di restituire il dipinto. Il 35enne ha accompagnato i carabinieri   occultato nei pressi di Piazza Beccaria. Il quadro era nascosto in un ripostiglio aperto a tutti in via Giovane Italia. Qui l’uomo prelevava da uno scaffale una scatola di cartone all’interno della quale vi era il quadro.