Home FOCUS Indagine Libera su Pnrr: “Il 68% dei cittadini non lo conosce, 88%...

Indagine Libera su Pnrr: “Il 68% dei cittadini non lo conosce, 88% teme il pericolo corruzione e le infiltrazioni mafiose”

admin
206
0

Questo è quanto emerge dalla terza ricerca di Libera curata da Demos sulla percezione dei cittadini della corruzione e delle mafie partendo dai fondi per la ripresa,

Il 68% dei cittadini afferma di averne “nessuna” o “scarsa conoscenza” riguardo al Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (Pnrr). Uno strumento ritenuto salvifico ma sconosciuto. Il 40% degli intervistati ripone fiducia nel governo per la ripresa economica del Paese, seguita dal mondo dell’impresa (39%) e dal mondo dell’Università e della Ricerca (25%), mentre è scarsa la fiducia nei partiti politici (solo 8%). Questo è quanto emerge dalla terza ricerca di Libera curata da Demos sulla percezione dei cittadini della corruzione e delle mafie partendo dai fondi per la ripresa.

I cittadini sono preoccupati che gli investimenti pubblici possano favorire infiltrazioni mafiose. L’88% ritiene che il Pnrr porti il pericolo di corruzione e infiltrazioni mafiose. Nello specifico, il 51% degli intervistati si dichiara “allarmato” riguardo alla possibilità di infiltrazioni mafiose e ritiene che il rischio sia particolarmente elevato, visto l’ammontare delle risorse e le procedure emergenziali previste nell’impiego dei fondi europei. Il 37%, è “rassegnato”, dando per scontato il rischio, analogo a quello di tutti gli investimenti pubblici. Solo il 9%, risponde con “ottimismo” che, grazie alle particolari norme messe in atto, il rischio criminale sia inferiore rispetto al solito. Alla domanda ‘quali attività economiche rischiano maggiormente di legarsi alla presenza mafiosa tra quelle che saranno sostenute dall’arrivo dei fondi europei’, il 52% dei cittadini intervistati mette al primo posto il settore dell’edilizia e lo spazio “green” con lo smaltimento dei rifiuti (51%), seguito dalla sanità con il 26%. Come emerge dalla ricerca una componente molto ampia di cittadini ritiene che occorra rafforzare il controllo dell’Anac (26%) assicurare massima trasparenza dei bandi (25%) e rafforzare i poteri della Procura Nazionale Antimafia (22%).