Home ULTIM'ORA Fuga documenti Pentagono, Zelensky: “Usa non ci hanno avvertito prima”

Fuga documenti Pentagono, Zelensky: “Usa non ci hanno avvertito prima”

Adnkronos
96
0

(Adnkronos) – Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha dichiarato al Washington Post che il governo statunitense non lo ha informato della pubblicazione online di informazioni di intelligence esplosive. “Non ho ricevuto informazioni dalla Casa Bianca o dal Pentagono in anticipo”, ha dichiarato Zelensky al quotidiano statunitense in un’ampia intervista. “Non avevamo queste informazioni. Io personalmente non ne avevo. È sicuramente una brutta storia”. 

Una serie di documenti riservati del Pentagono circola su Internet da settimane dopo essere stati pubblicati in un gruppo di chat sull’applicazione Discord. Contengono informazioni, tra l’altro, sulla guerra che la Russia sta conducendo contro l’Ucraina, nonché dettagli su presunte operazioni di spionaggio degli Stati Uniti contro i partner. 

Questa fuga di notizie “non è vantaggioso per la reputazione della Casa Bianca e credo che non sia vantaggioso per la reputazione degli Stati Uniti”, ha aggiunto Zelensky. 

Il Post, citando i documenti e le fonti trapelate, ha riferito che Washington ha espresso dubbi sull’auspicato successo di una controffensiva di primavera da parte di Kiev per riprendere il territorio controllato dai russi.  

Gli Stati Uniti sono considerati il più importante alleato di Kiev nella lotta contro la Russia, che ha lanciato un’invasione su larga scala oltre un anno fa, e hanno fornito aiuti militari per miliardi di dollari. 

In fiamme serbatoio petrolio russo vicino a confine Crimea
 

Un vasto incendio è scoppiato in un impianto di stoccaggio di petrolio a Volna, nel sud della Russia al confine con la Crimea. Lo ha riferito in un post su Telegram il governatore della regione russa di Krasnodar, Veniamin Kondratyev affermando che l’incendio nel porto di Volna “è stato della gravità peggiore”, ma è stato contenuto. Non sono state segnalate vittime, ha aggiunto. L’impianto si trova vicino al ponte di Kerch, oggetto di un attacco delle forze ucraine nell’ottobre 2022. Non è chiaro al momento come il serbatoio si sia incendiato.