Home NEWS Sindaci Valdelsa e assessora Monni firmano il contratto per il fiume Elsa

Sindaci Valdelsa e assessora Monni firmano il contratto per il fiume Elsa

admin
168
0

Firmato  a Certaldo  il protocollo di intesa per la realizzazione del Contratto di Fiume Elsa atto conclusivo del progetto “Oltre i confini” con il Comune di San Gimignano capofila, finanziato dalla Regione Toscana, con la compartecipazione del Dipartimento di Architettura dell’Università di Firenze ed un contributo dell’Ente Cambiano.

Il progetto, nato a settembre 2019, ha attivato un processo partecipativo, durante il 2020 sono state attivate varie attività sia online che sul territorio, per confrontarsi con chi il fiume lo vive e lo frequenta.
A seguito dei vari incontri sono state individuate 4 azioni da perseguire: la salvaguardia della qualità delle acque e la sicurezza idraulica; l’accessibilità e la fruibilità dell’area, del sistema fluviale inteso come rete in cui sono incluse la mobilità dolce pedonale e ciclabile; la gestione delle aree perifluviali e la valorizzazione paesaggistica, delle connessioni con l’urbano e delle sponde come opportunità di creazione di nuovi spazi fruitivi; la valorizzazione culturale e la propensione ad un turismo responsabile, partendo dalla costruzione dell’identità rivierasca.
Il progetto partecipativo “Oltre i confini” trova un punto qualificante con una pista ciclabile lungo tutto il corso del fiume, con l’obiettivo di integrare una funzione di integrazione del fiume stesso..

E’ questo atto è il primo passo per coinvolgere i comuni di Sovicille e Casole d’Elsa sul versante senese, Gambassi Terme ed Empoli sul versante fiorentino e San Miniato sul versante pisano.

“Il contratto di fiume – ha detto l’assessora regionale all’ambiente e difesa del suolo Monia Monni – è uno strumento importante che ci aiuta a ritrovare una visione condivisa del fiume, tiene insieme la tutela della risorsa idrica, la valorizzazione ambientale e quella culturale. Un modello di governance che in Toscana sta funzionando come strumento di programmazione strategica, adeguato alla complessità del sistema fluviale. Serve ascolto, confronto. Così si possono produrre le azioni giuste affinché tutte le peculiari un nuovo modello di sviluppo sostenibile che tenga conto dell’evolversi dei cambiamenti climatici”.

“Dobbiamo e vogliamo ridare valore al fiume Elsa e lo faremo con il Contratto di Fiume, lo strumento he ci permette di collaborare tutti alla pari (istituzioni, enti, cittadini) e di farlo in una dimensione di area, multiscalare, che va oltre i nostri singoli confini amministrativi – ha detto il sindaco di San Gimignano Andrea Marrucci -. I fiumi sono parte integrante del territorio e della sua gestione. In questo il ruolo delle comunità locali è decisivo, perché nessun soggetto può da solo risolvere i problemi, mentre collettivamente possiamo fare molto.”  “Tutela e qualità delle acque e dell’ambiente, – ha concluso Marrucci . messa in sicurezza idraulica del fiume, fruizione del parco fluviale con percorsi ciclabili e pedonali, sport ed escursionismo, sono le azioni da porre in campo con tutti i soggetti coinvolti e le popolazioni”