Home NEWS Autonomia differenziata / Pd pronto a referendum. De Luca e la protesta...

Autonomia differenziata / Pd pronto a referendum. De Luca e la protesta del Sud

Adnkronos
183
0
amministrative 2024

“Andiamo a dargli un po’ una sveglia”. Vicenzo De Luca porta oggi a Roma circa 500 amministratori campani e non solo, tra sindaci e consiglieri, per protestare contro l’autonomia differenziata e chiedere lo sblocco dei fondi di coesione per la regione. Una manifestazione istituzionale a cui hanno aderito l’Anci, tutte le forze del centrosinistra campano, i consiglieri dei 5 Stelle che in Regione sono all’opposizione, la rete dei sindaci Recovery Sud, sindacati. Ci sarà il sindaco di Benevento, Clemente Mastella. Non quello di Napoli, Gaetano Manfredi, che ha inviato in rappresentanza del comune la sua assessora, Teresa Armato. Per il Pd ci sarà il responsabile Sud della segreteria di Elly Schlein, Marco Sarracino.

Firenze / Crollo cantiere Esselunga. 3 morti e 3 sotto le macerie, 3 persone estratte vive | La Gazzetta di Firenze

Al di là dei rapporti complicati tra il Pd e il governatore campano, la battaglia contro l’autonomia differenziata è convergente. Il provvedimento passato al Senato, tra lo sventolio di bandiere con il leone di San Marco tra i banchi leghisti, ha iniziato il suo iter alla Camera e i dem sono pronti a un’opposizione durissima. Cercando convergenze con le altre forze di opposizione. In Parlamento e fuori. Sabato 24 febbraio ci sarà un’iniziativa contro il ddl Calderoli con Sarracino insieme a Roberto Fico dei 5 Stelle e Peppe De Cristoforo di Avs a cui è stata invitata anche Azione.

E poi a marzo partirà una mobilitazione nazionale del Pd su 4 punti: contro il premierato, per la sanità, per i salari e quindi contro l’autonomia, che sarà uno dei temi cardine della campagna dem verso europee e amministrative. Anche perché il Pd non esclude di arrivare al referendum per bloccare la legge Calderoli. Lo ha ribadito anche ieri il capogruppo al Senato, Francesco Boccia: “Se nel passaggio alla Camera” sull’autonomia “la maggioranza non tornerà sui suoi passi faremo una battaglia durissima anche nel Paese, disposti anche al referendum”.

E ieri per tutta la giornata è partita la ‘batteria’ dem contro l’autonomia differenziata. A partire appunto da Boccia che incalza: “Il nodo fondamentale sono le risorse: senza un euro non si fanno riforme epocali. Regionalizzare la scuola, le reti di trasporto e di comunicazione, creare 15 piccoli aspiranti staterelli che sono le Regioni a statuto ordinario e 5 Regioni a statuto speciale senza un fondo di perequazione, significa sfasciare il nostro Paese”.

E poi ancora Piero De Luca: “L’autonomia mette a rischio l’unità e la coesione nazionale e renderà impossibile vivere al sud dove saranno compromessi i diritti dei cittadini perché minati i servizi essenziali, dalla scuola, alla sanità all’assistenza sociale”. E quindi Sandro Ruotolo che parla di “secessione dei ricchi”: con il ddl Calderoli “si è materializzato quel disegno leghista della prima ora”.

Irene Manzi, responsabile Scuola del Pd, mette l’accento sul diritto all’istruzione:”Il progetto spacca Italia della Lega, avallato da Fratelli d’Italia e Forza Italia, punti alla regionalizzazione della scuola che, di fatto, determinerà un’istruzione di serie A e una di serie B”. Marina Sereni, che invece si occupa di Sanità nella segreteria Schlein, mette in guardia: “Con l’Autonomia differenziata invece non solo si legittimano le diseguaglianze esistenti ma si spezza l’idea stessa di Servizio Sanitario Nazionale universalistico, producendo una vera e propria desertificazione sanitaria di intere regioni. Faremo ogni sforzo per impedirne l’approvazione”, garantisce. Intanto oggi De Luca guida la prima protesta a Roma. Appuntamento alle 11.00 a Santi Apostoli.