Home ULTIM'ORA Ucraina-Russia, Biden di nuovo contro Putin: “Ha fatto male i calcoli”

Ucraina-Russia, Biden di nuovo contro Putin: “Ha fatto male i calcoli”

Adnkronos
94
0

(Adnkronos) – Vladimir “Putin ha fatto male i calcoli”. Alla vigilia del secondo anniversario dell’inizio dell’invasione dell’Ucraina da parte della Russia, il presidente americano Joe Biden, sottolinea, in una dichiarazione diffusa dalla Casa Bianca, che in questo momento si “constata ancora più vividamente quello che avevamo capito sin dal primo giorno, vale a dire che Putin ha fatto male i calcoli”.  

“Agli americani e alla gente in tutto il mondo è chiaro che la posta in gioco di questo scontro va oltre l’Ucraina”, ha dichiarato poi, sottolineando che “la Nato è più forte, con più Paesi, e più unita che mai e la coalizione globale senza precedenti di 50 Paesi in sostegno dell’Ucraina guidata dagli Usa rimane impegnata a fornire assistenza di importanza critica all’Ucraina e a chiamare la Russia a rispondere della sua aggressione”. 

“Se Putin non paga il prezzo” per quello che ha fatto, “andrà avanti. E i costi per gli Stati Uniti e per i nostri Alleati della Nato e partner in Europa e in tutto il mondo salirà”, ha quindi sottolineato Biden, ricordando l’occupazione della Crimea nel 2014, i regimi fantoccio nelle regioni di Donetsk e Luhansk, e il tentativo ci cancellare l’Ucraina dalle cartine geografiche di due anni fa. 

E ha quindi annunciato “più di 500 nuove sanzioni contro la Russia per la guerra di conquista che continua a portare avanti in Ucraina e per la morte di Aleksei Navalny, attivista anti corruzione coraggioso e il leader più tosto dell’opposizione a Putin”. Si tratta, ha aggiunto Biden, di sanzioni contro persone legate alla detenzione di Navalny e al settore finanziario in Russia, del comparto militare industriale, delle reti di approvvigionamento, e di chi evade le sanzioni nei diversi continenti. I provvedimenti faranno in modo che Putin paghi un prezzo ancora più salato per la sua aggressione all’estero e per la repressione interna”. 

Gli Stati Uniti hanno anche varato nuove restrizioni su circa 100 entità, accusate di fornire supporto illegale per la macchina da guerra russa. E adottato azioni per ridurre ulteriormente i proventi dell’energia, ha aggiunto Biden ha affermato ancora facendo sapere di aver “indirizzato la mia amministrazione a rafforzare il sostegno per la società civile e i media indipendenti e per chi combatte per la democrazia nel mondo”.  

Quanto all’Ucraina “sta finendo le munizioni. L’Ucraina ha bisogno di più rifornimenti dagli Stati Uniti per mantenere le loro posizioni di fronte agli implacabili attacchi della Russia, che sono resi possibili da munizioni e armi provenienti da Iran e Corea del Nord”, ha dichiarato il presidente americano sollecitando la Camera dei Rappresentanti “ad approvare il provvedimento bipartisan di spesa supplementare per la sicurezza nazionale prima che sia troppo tardi”. 

Questo provvedimento, ha spiegato il presidente, “assicura fondi urgenti per l’Ucraina e investe nella base industriale dell’America. “Non c’è dubbio che se lo ‘speaker convocasse un voto, sarebbe approvato velocemente anche alla Camera”, ha aggiunto Biden, denunciando che “opporsi fa solo il gioco di Putin”. 

“La storia ci guarda. Non riuscire a sostenere l’Ucraina in questo momento critico non sarà dimenticato. Ora è il momento di essere forti al fianco dell’Ucraina e essere uniti ai nostri alleati e partner. Ora è il momento di dimostrare che gli Stati Uniti sono al fianco della liberà e non si inchinano di fronte a nessuno”, ha affermato ancora facendo sapere di aver “indirizzato la mia amministrazione a rafforzare il sostegno per la società civile e i media indipendenti e per chi combatte per la democrazia nel mondo”.