Home ULTIM'ORA Ucraina, Zelensky: “Armi da Occidente o perdiamo la guerra con la Russia”

Ucraina, Zelensky: “Armi da Occidente o perdiamo la guerra con la Russia”

Adnkronos
109
0

(Adnkronos) –
L’Ucraina continuerà a cedere terreno alla Russia finché non riceverà armi e munizioni dall’Occidente. Poi, potrà passare all’attacco con una nuova controffensiva. E’ il quadro che il presidente ucraino Volodymyr Zelensky delinea in un’affollatissima conferenza stampa in cui fa il punto a 2 anni dall’inizio del conflitto. “Non abbiamo alternativa alla vittoria. Se l’Ucraina perde, cessa di esistere. Non possiamo accettare un epilogo del genere. La vittoria delll’Ucraina dipende dal sostegno che arriva dall’Occidente. Se avremo armi e munizioni, vinceremo”, dice Zelensky.  

Le ultime settimane sono state caratterizzate dai durissimi scontri a Avdiivka, la città dell’est che la Russia ha conquistato, issando la propria bandiera su un cumulo di macerie in un’area devastata e disabitata. L’Ucraina è destinata a cedere altri territori? “La pressione della Russia è massiccia. In alcune zone è stata particolarmente intensa, il rapporto tra le munizioni di artiglieria dell’Ucraina e della Russia è stato di 1:12 alla fine dello scorso anno e all’inizio del 2024. Ora abbiamo un rapporto di 1:7, abbiamo ridotto il vantaggio della Russia che però rimane significativo. Dobbiamo arrivare ad un punto in cui il rapporto sarà 1:2 o 1:3, in quel momento saremo pronti a respingere i russi”, dice Zelensky.  

“Fino ad allora, continueremo a perdere 100-150 metri al giorno ma a livello strategico è più importante non perdere uomini. In alcuni villaggi ci sono 10-20 case, ci sono persone che non vogliono andarsene. Devono salvare le proprie vite. Se avremo armi al livello della Russia, otterremo risultati”, afferma. E’ possibile dialogare con Vladimir Putin? “Si può parlare con un sordo? Si può parlare con un uomo che uccide i suoi oppositori? Proporremo una piattaforma in cui Putin possa accettare di aver perso questa guerra e che è stato un enorme errore e una tragedia per noi e per il mondo democratico”. 

Tutto o quasi ruota attorno al pacchetto da 61 miliardi di dollari fermo al Congresso degli Stati Uniti. Il Senato ha approvato l’invio degli aiuti, la Camera a maggioranza repubblicana deve ancora esprimersi. “Sono ottimista riguardo alla recente risposta dei nostri alleati riguardo a queste armi”, dice il presidente, fiducioso rispetto al fatto che il Congresso americano sbloccherà le fornitrue: “Sanno che ne abbiamo bisogno entro un mese”, afferma aggiungendo che “contiamo sul fatto che gli Stati Uniti resteranno i leader della democrazia nel mondo”. 

Il tema viene affontato oggi anche dal ministro della Difesa, Rustem Umerov. “Le promesse non equivalgono alla consegna. Il 50% di quanto promesso non arriva in tempo. Così si perdono uomini e territorio. Questa è una guerra in cui gli alleati devono fornire i rifornimenti in tempo”, dice. 

L’Ucraina sta cercando di rimediare alla scarsità di munizioni facendo crescere la propria industria militare. Intervenuto alla stessa conferenza, il ministro per le Industrie strategiche, Oleksandr Kamyshin, evidenzia che la produzione è triplicata. Tuttavia, l’Ucraina ha bisogno di molte più munizioni di quante ne potrà fabbricare. Inoltre le necessità del fronte “sono maggiori della produzione di Stati Uniti e Ue messe insieme”.