Home NEWS Sicurezza sul lavoro / Incontro tra governo e sindacati

Sicurezza sul lavoro / Incontro tra governo e sindacati

Adnkronos
245
0
esselunga cantiere crollo

Al via incontro governo e sindacati a Palazzo Chigi sulla sicurezza nei luoghi di lavoro dopo la strage del crollo del Cantiere Esselunga di via Mariti a Firenze. Il governo è rappresentato dal Sottosegretario Alfredo Mantovano e dalla ministra del Lavoro, Marina Calderone. Sono presenti i segretari generali di Cgil, Maurizio Landini, della Uil Pierpaolo Bombardieri e della Cisl, Luigi Sbarra. Sono presenti anche rappresentanti di Ugl, Cisal e Usb.

”Credo che abbiamo dimostrato massima attenzione ai temi della sicurezza e della salute sui luoghi di lavoro. Abbiamo avuto vari confronti con le parti sociali, sia in sindacati che le associazioni datoriali. Si devono prendere delle decisioni. Le proporrò in Consiglio dei Ministri. Ho già fatto un’informativa al Consiglio la settimana scorsa. Lunedì (oggi, ndr) abbiamo convocato le parti sociali per presentare le nostre riflessioni. Da un lato c’è una riduzione del numero degli infortuni, certificato dall’Inail, ma l’edilizia è un settore che merita la massima attenzione, perché ci sono una serie di rischi legati alla tipologia di attività”, ha sottolineato la ministra del Lavoro, Marina Calderone, sabato in occasione del Forum in Masseria alle Terme di Saturnia, sulle manifestazione a Firenze.

”Sull’incidente di Firenze la magistratura farà il suo corso, noi stiamo fornendo tutto il supporto ai magistrati con le nostre forze ispettive. Speriamo di aver in tempi brevi l’esatta dinamica dell’incidente”, conclude Calderone.

La scorsa settimana era tornata d’attualità l’ipotesi di introduzione del reato di omicidio sul posto di lavoro. Un’ipotesi che ha trovato contrario il ministro della Giustizia, Carlo Nordio.

“Non ci sarebbe un effetto deterrente. Con l’esperienza dell’omicidio stradale, che ha aumentato a dismisura la pena, gli incidenti non sono diminuiti ma aumentati”, ha ricordato il Guardasigilli.

“Sono allo studio altre misure per contrastare il lavoro sommerso”, ha aggiunto Nordio, dicendosi anche contrario all’istituzione della Procura nazionale per la sicurezza del lavoro.