Home ULTIM'ORA Houthi, Tajani: “Grave minaccia terroristica. Mai operazioni Aspides su terraferma”

Houthi, Tajani: “Grave minaccia terroristica. Mai operazioni Aspides su terraferma”

Adnkronos
101
0

(Adnkronos) – ”L’attacco al Duilio conferma ancora una volta la gravità della minaccia terroristica degli Houthi”. Lo ha dichiarato il vicepremier e ministro degli Esteri, Antonio Tajani, riferendo alla Camera sulla partecipazione dell’Italia alle missioni internazionali. Tajani ha sottolineato “la tempestività delle iniziative che il governo ha deciso di intraprendere”. 

”A nome del governo e, ne sono certo, di tutta l’Aula, vorrei rinnovare all’equipaggio della Nave Duilio e a tutte le Forze Armate profonda gratitudine per il loro costante e prezioso operato”, ha aggiunto il vicepremier riferendosi a quando, sabato, il cacciatorpediniere Caio Duilio ha abbattuto un drone lanciato dagli Houthi nello Stretto di Bab El Mandeb.  

La missione Aspides ”darà risposte necessarie e proporzionate e comunque sempre in mare o nello spazio aereo. In nessun caso Aspides potrà essere coinvolta in operazioni sulla terraferma – ha chiarito il ministro degli Esteri – La nuova operazione agirà nel Mar Rosso, nel Golfo di Aden e nel Golfo Persico con lo scopo di proteggere i nostri traffici, contenendo i rischi di escalation regionale”. 

Ed ha ribadito che la missione Aspides avrà ”compiti esecutivi di autodifesa estesa, cioè di neutralizzazione di attacchi che abbiano come bersaglio diretto navi mercantili scortate e il contrasto ad eventuali tentativi di sequestro delle imbarcazioni”. Ha scandito Tajani: ”Aspides non è diretta contro nessuno, ma a difesa di un principio: la libertà e la sicurezza della navigazione. Solo facendo rispettare questo principio è possibile assicurare sicurezza e benessere alla regione”.  

Il titolare della Farnesina ha ricordato che gli attacchi sferrati dai miliziani yemeniti Houthi nel Mar Rosso ”hanno compromesso la regolarità dei rifornimenti delle merci”, con un ”aumento dei costi che ha effetti negativi sul sistema dei trasporti e sul commercio internazionale delle aziende italiane”, e ”siamo di fronte a un aumento incredibile dei tempi di navigazione”. 

Il ministro ha poi tenuto a sottolineare che ”la crisi del Mar Rosso e la risposta decisa a Bruxelles rappresentano un banco di prova importante per una difesa europea più efficace”.  

Inoltre, ”le crisi che stiamo attraversando dimostrano anche la crescente necessità di agire con urgenza e flessibilità” e quindi la necessità di riformare la legge sulle missioni. ”La delibera missioni internazionali è stata inviata alle Camere con notevole anticipo rispetto agli anni scorsi. E chiediamo oggi a quest’Aula di approvare una risoluzione ad hoc per autorizzare l’avvio delle nuove missioni”, ha affermato Tajani. 

Parlando della situazione nella Striscia, il ministro degli Esteri ha detto di aver ”appreso con sgomento della strage di giovedì scorso a Gaza”, quando centinaia di palestinesi sono stati colpiti mentre erano in fila per la distribuzione di aiuti umanitari. Si è trattato di ”un massacro di civili inermi che ha complicato, purtroppo, i negoziati in corso per il raggiungimento di una tregua”, ha sottolineato Tajani nel suo intervento alla Camera. ”La strage del pane impone di intensificare gli sforzi per giungere al più presto ad un cessate il fuoco. Abbiamo chiesto ad Israele di accertare con rigore la dinamica dei fatti e le responsabilità”, ha aggiunto il titolare della Farnesina. 

Occorre ”incrementare gli aiuti nella Striscia di Gaza. Altrimenti, corriamo il rischio di una catastrofe umanitaria ancor più devastante”, ha affermato il vicepremier. “Dobbiamo far arrivare nella Striscia tutti gli aiuti alimentari di cui c’è bisogno. Vogliamo promuovere un’iniziativa umanitaria coordinata. L’ho chiamata ‘Food for Gaza’, ha spiegato il titolare della Farnesina, riferendo di aver parlato dell’iniziativa con il Direttore Generale della Fao e la Direttrice Esecutiva del Programma Alimentare Mondiale. ”Intendo riunire al ministero degli Esteri un primo tavolo, anche con la Mezza Luna Rossa e altre Organizzazioni, la prossima settimana”, ha annunciato Tajani, spiegando che ”l’obiettivo è fare sistema per agevolare l’accesso degli aiuti e alleviare le sofferenze della popolazione. Il momento è ora, nella prospettiva di un auspicato cessate il fuoco”. 

”Sul piano politico-diplomatico resta essenziale raggiungere un cessate il fuoco sostenibile a Gaza”, ha detto il ministro degli Esteri, sottolineando che un cessate il fuoco a Gaza è fondamentale ”anche per attenuare le tensioni regionali”. In particolare, ha aggiunto, ”l’Italia chiede una pausa prolungata e duratura delle ostilità, che porti a un cessate il fuoco sostenibile come richiesto anche dalle Risoluzioni 2712 e 2720 del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite”. 

E poi serve ”un credibile e concreto percorso verso la soluzione ‘due popoli, due Stati’, con il contributo di un’Autorità Palestinese rafforzata e riformata”, ha rimarcato il vicepremier, ritenendo che ”le dimissioni del primo ministro Shtayyeh e la formazione di un futuro governo dell’Autorità Nazionale Palestinese sono un segnale importante in questa direzione”. 

Parallelamente, ha aggiunto Tajani, ”dobbiamo rilanciare i processi di normalizzazione e integrazione regionale. Un quadro regionale favorevole è essenziale per il successo di qualsiasi iniziativa politica”. In questo contesto, ha proseguito, ”i Paesi arabi che più si stanno attivando per la ricerca di una soluzione possono svolgere un ruolo essenziale nella riabilitazione di Gaza e nel favorire l’integrazione economica con Israele”. Ma la ”condizione è che vi sia un impegno chiaro ed irreversibile per la creazione di uno Stato palestinese indipendente”, ha ribadito.