Home VETRINA Gaza / Cina a Israele: “Guerra vergogna per la civiltà, cessate il...

Gaza / Cina a Israele: “Guerra vergogna per la civiltà, cessate il fuoco urgente”

Adnkronos
231
0
Il bombardamento in una scuola UNRWA a Gaza

”La guerra che Israele sta conducendo nella Striscia di Gaza è una vergogna per la civiltà”. Lo ha dichiarato il ministro degli Esteri cinese Wang Yi nel corso di una conferenza stampa a Pechino, affermando che ”la comunità internazionale deve agire con urgenza e dare la massima priorità al raggiungimento di un cessate il fuoco immediato e alla cessazione delle ostilità”. Il capo della diplomazia di Pechino ha quindi aggiunto che ”garantire gli aiuti umanitari è una responsabilità morale urgente”.

“Pechino – ha poi aggiunto Wang Yi – sostiene che la Palestina debba diventare un membro ufficiale e a pieno titolo delle Nazioni Unite” e ”il ruolo delle Nazioni Unite va rafforzato e non indebolito, il suo status deve essere sostenuto, non sostituito”. Allo stesso tempo, Wang ha aggiunto che ”le Nazioni Unite vanno riformate e migliorate per rispondere alla nuova realtà e allo sviluppo internazionale politico ed economico”, promettendo poi il contributo cinese in merito.

Il capo della diplomazia cinese è poi tornato sulla causa palestinese affermando che ”il disastro di Gaza ricorda ancora una volta al mondo che non è più possibile ignorare che i Territori palestinesi sono occupati da molto tempo”.

L’Idf ha colpito due siti dell’esercito siriano nel sud della Siria dopo il lancio di due razzi dal Paese verso le alture di Golan. Secondo il sito di notizie siriano Daraa 24, gli attacchi israeliani hanno preso di mira siti vicino a Jasim, a circa 10 km dal confine israelo-siriano.

Gli Stati Uniti potrebbero impedire a Israele di usare armi americane in un’offensiva pianificata nella città di Rafah, nel sud di Gaza. Lo scrive il Washington Post, precisando che il presidente americano Joe Biden e altri funzionari “non hanno preso alcuna decisione sull’imposizione di una condizione legata all’uso delle armi made in Usa. Ma il fatto stesso che i funzionari sembrino discutere di questo passo estremo dimostra la crescente preoccupazione dell’amministrazione per la crisi a Gaza”.

“Se Israele lanciasse un’offensiva a Rafah senza proteggere adeguatamente la popolazione civile sfollata, ciò potrebbe far precipitare una crisi senza precedenti nelle relazioni Usa-Israele, coinvolgendo anche le forniture di armi”, ha affermato l’ex ambasciatore americano in Israele Martin Indyk. L’articolo afferma inoltre che gli Stati Uniti sembrano aver accantonato le speranze di un’iniziativa diplomatica che abbini la normalizzazione saudita con un percorso verso uno Stato palestinese.

“Dietro la crescente tensione con Netanyahu c’è la sensazione di Biden che Israele non abbia ascoltato gli avvertimenti e i consigli degli Stati Uniti e che il rapporto con gli Usa sia una strada a senso unico”, scrive il Washington Post. “L’amministrazione ritiene infatti di sostenere gli interessi israeliani, a un costo politico considerevole in patria e all’estero, mentre Netanyahu non risponde alle richieste americane. Israele sostiene che qualsiasi spazio tra la politica statunitense e quella israeliana avvantaggia solo Hamas. Ma Israele non scende a compromessi per ridurre questo divario”.