Home ULTIM'ORA Gaza, Hamas: “Possibile nuovo round colloqui prima inizio Ramadan”

Gaza, Hamas: “Possibile nuovo round colloqui prima inizio Ramadan”

Adnkronos
103
0

(Adnkronos) – “Il fallimento dei negoziati al Cairo non significa necessariamente la fine delle trattative” con Israele. Lo afferma Mohamed Nazzal, membro dell’ufficio di Hamas, in una dichiarazione ad Al Jazeera in cui ha suggerito la possibilità di un nuovo round 48 ore prima dell’inizio di Ramadan, data entro la quale il presidente americano, Joe Biden aveva espresso speranza di raggiungere un cessate il fuoco a Gaza. Nazzal sostiene che Israele “non vuole offrire nulla: non vuole un cessate il fuoco permanente, ma solo una tregua temporanea, né il ritorno degli sfollati dal sud al nord della Striscia di Gaza”. 

Al Jazeera ha riferito che la CNN, citando un funzionario americano, ha confermato l’arrivo del direttore della CIA William Burns in Qatar, in quello che potrebbe essere l’ultimo tentativo di garantire un accordo prima del mese di Ramadan. 

Salgono intanto a quasi 30.900 morti il bilancio delle vittime nella Striscia di Gaza dal 7 ottobre. L’ultimo bollettino del ministero della Salute di Gaza, che nel 2007 finì sotto il controllo di Hamas, parla di 30.878 morti, 78 nelle ultime 24 ore, e 72.402 feriti. E’ la tv satellitare al-Jazeera a riferire del nuovo bilancio diffuso a Gaza. 

 

Da Joe Biden arriva un monito a Israele: “Deve fare la sua parte, deve permettere più aiuti umanitari a Gaza e garantire che gli operatori umanitari non finiscano sotto tiro. Alla leadership israeliana dico: l’assistenza umanitaria non può essere una considerazione secondaria o una merce di scambio, proteggere e salvare gli innocenti deve essere un priorità”. “Israele ha un compito difficile perché Hamas si nasconde ed opera tra la popolazione civile, però al contempo ha la responsabilità fondamentale di proteggere i civili innocenti a Gaza – ha detto Biden durante il discorso sull Stato dell’Unione- questa guerra ha provocato più vittime civili di tutte le altre guerre a Gaza, sono morti oltre 30mila palestinesi. La maggioranza non sono di Hamas, migliaia sono donne e bambini innocenti”. 

Poi la situazione umanitaria: “Quasi due milioni di palestinesi sfollati, case distrutte, quartieri e città in macerie, famiglie senza cibo, senza acqua, senza medicine”, ha detto Biden che nel suo discorso ha annunciato, come aveva già anticipato la sua amministrazione, di aver ordinato l’avvio di una missione militare Usa per avviare la costruzione di un porto temporaneo a Gaza per permettere l’arrivo di navi con aiuti umanitari.  

Nel suo discorso, comunque, Biden ha ribadito che Israele ha il diritto di continuare la sua operazione contro Hamas in risposta agli attacchi del 7 ottobre, in cui sono state uccise 1200 persone e rapite 240, “il giorno più sanguinoso per gli ebrei dal tempo dell’Olocausto”. Ed ha affermato che Hamas “potrebbe mettere fine al conflitto oggi, liberando gli ostaggi, consegnando le armi e i responsabili degli attacchi: in questo modo gli ostaggi tornerebbero a casa, si allevierebbe l’intollerabile situazione umanitaria e si andrebbe verso qualcosa di più duraturo”. 

 

Aerei da guerra israeliani hanno distrutto completamente una casa nel sud del Libano. Lo ha reso noto l’agenzia di Stato libanese, precisando che l’edificio colpito si trovava tra al-Mansouri e Majdal Zoun, due villaggi a pochi chilometri dal confine con Israele. 

 

Il Comando centrale Usa (Centcom) conferma raid di “autodifesa” nel contesto delle operazioni contro gli Houthi dello Yemen. “Tra le 15.35 e le 16.55 (di giovedì ora di Sana’a), il Centcom ha condotto operazioni di autodifesa contro quattro missili da crociera antinave (Ascm) e un drone degli Houthi in aree dello Yemen sotto il controllo degli Houthi”, si legge in una nota diffusa stamani via X. “Le forze del Centcom hanno anche abbattuto tre droni lanciati da aree dello Yemen sotto il controllo degli Houthi sostenuti dall’Iran in direzione del Golfo di Aden”. La nota ribadisce che si tratta di interventi “per proteggere la libertà di navigazione e rendere le acque internazionali più sicure per la Marina Usa e i mercantili”.