Home ULTIM'ORA Sarri, addio alla Lazio: da Anna Falchi a Osho, tifosi vip divisi...

Sarri, addio alla Lazio: da Anna Falchi a Osho, tifosi vip divisi su dimissioni

Adnkronos
114
0

(Adnkronos) – Deputati, vip, personaggi dello spettacolo. La notizia delle dimissioni di Maurizio Sarri da allenatore della Lazio irrompe tra i tifosi biancocelesti eccellenti. Da Anna Falchi a Osho, da Enrico Montesano ai tifosi della ‘prima squadra della Capitale’ nei palazzi della politica. Molti ringraziano il tecnico per le due stagioni e mezza alla guida della squadra, ma c’è anche chi è convinto che il passo indietro del tecnico toscano sia la soluzione migliore in un momento di crisi, con 4 sconfitte consecutive. 

 

“Le dimissioni dalla Lazio fanno onore a Sarri, che è un uomo che ha dignità e carattere. Credo abbia fatto la scelta giusta: serviva una scossa”, dice all’AdnKronos Enrico Montesano. “Io personalmente -spiega il popolare attore romano, noto tifoso bianco bianco celeste- ritengo che Sarri sia un grande chef, di quelli che però hanno bisogno di ingredienti di grande qualità per fare un buon piatto. Noi, con gli ingredienti che abbiamo, leggi calciatori, abbiamo bisogno di un bravo cuoco che con gli ingredienti che ha faccia un bel primo alla gricia, una bella carbonara. Non dico che serve la Sora Lella, ma per intenderci, ci serve un gioco più casereccio ma che vada al sodo, più di sostanza”. 

“Noi non abbiamo i fuoriclasse del Bayern, dell’Inter, del Barcellona -aggiunge Montesano- E oggi, per fare tre competizioni, una parte di ragione forse ce l’ha anche Sarri. Ha fatto un gesto onesto. E per l’ambiente, credo abbia fatto bene”.  

 

La notizia delle dimissioni di Sarri “mi ha lasciato abbastanza di stucco. Sinceramente non me l’aspettavo, anche se stamattina la sua decisione era già nell’aria. Sono molto dispiaciuta in un momento così di crisi per la Lazio: va via il nostro perno, il nostro grande Mister e, da ‘sarrista’ convinta quale sono, mi dispiace veramente tantissimo”. Così all’Adnkronos Anna Falchi, attrice e conduttrice televisiva super tifosa laziale, confessando di vedere il futuro “non proprio roseo” per una squadra “già destabilizzata da come stanno andando le cose. Ora, con l’andata via del nostro mister – aggiunge – la vedo ancora peggio”. 

Secondo Falchi, “sarà difficile rimpiazzare Sarri: sto sentendo i nomi che girano – dice – e sembra si stia puntando su un ex giocatore della Lazio per un fatto anche affettivo, una cosa questa che sembra un po’ emulare l’idea che ha avuto la Roma prendendo De Rossi. Tra i nomi che girano – aggiunge – quelli di Klose e Rocchi ma non ci sono ancora certezze. Vedremo”.  

 

Federico Palmaroli, alias Osho, tifoso biancoceleste e autore di una celebre vignetta che ne esaltava i momenti più esaltanti durante il campionato, commenta all’Adnkronos la giornata speciale. “Spero che alla fine ci possa essere un momento in cui finalmente non saremo più ostaggi di questa proprietà. Perché sì, Sarri a me non è mai piaciuto e mai ne ho fatto mistero, ma il principale responsabile di tutta questa situazione che si è venuta a creare è la società e la vignetta che farò per l’occasione avrà come protagonista proprio il presidente Lotito”, afferma 

Il santone Osho che, curiosamente vestito in biancoceleste si chiedeva ‘Ma ‘sta Lazio?’, è, per Federico Palmaroli una vignetta “che ciclicamente si può riproporre, perché anche quest’anno abbiamo visto momenti eclatanti”. Ma oggi è altro. Oggi la parabola discendente si chiude, forse, con l’addio dell’allenatore e l’amarezza per sconfitte pesanti. “Sarri pensavamo fosse quell’allenatore poco aziendalista che si mettesse un po’ di traverso rispetto alle scelte della società, che chiedesse i giocatori che voleva, che si imponesse da questo punto di vista, cosa che non è avvenuta – continua Palmaroli – Si è lamentato del mercato quando era ormai troppo tardi, a gennaio non c’è stato alcun acquisto nonostante le necessità. Lì si sarebbe dovuto dimettere. Sarri non mi è mai piaciuto, il suo gioco mitizzato l’ho visto al massimo in tre partite, per me è un allenatore sopravvalutato”. 

 

“Sono sempre i risultati che decidono la sorte degli allenatori. Non conosco i motivi della decisione di Sarri, non conosco le problematiche all’interno della squadra. Il mister ha preso questa decisione forte che va rispettata”, le parole di Bruno Giordano, bandiera biancoceleste. 

“Credo che i tifosi della Lazio si aspettassero qualcosa di più da Sarri, soprattuto sotto il profilo della qualità del gioco -sottolinea Giordano-. I risultati sono stai un po’ altalenanti ma non si può dire che abbia fatto male nel complesso”. Sul nome del sostituto l’ex capocannoniere della Serie A dice: “Vorrei uno di provata fede laziale, Gregucci andrebbe benissimo”. 

 

“Ho apprezzato il gesto di Sarri di dimettersi purtroppo dopo la sconfitta in casa con l’Udinese si era arrivati a un punto di non ritorno e il mister si è assunto le sue responsabilità. Ora mi auguro che chi è rimasto sappia reagire per salvare la stagione. C’è una semifinale di Coppa Italia da giocare e ancora 10 partite in campionato da onorare cercando di fare più punti possibili. Ora per la squadra non ci sono più scuse”, dice l’ex campione di scherma e grande tifoso della Lazio Stefano Pantano. 

“E’ stata una stagione piena di alti e bassi -prosegue Pantano-. C’è stato un bel percorso in Champions League, con la qualificazione agli ottavi e la vittoria all’andata con il Bayern, in campionato sembrava che con le 4 vittorie di fila si fosse riaperto il discorso per la qualificazione in Champions, purtroppo in queste ultime settimane le cose sono precipitate e ci troviamo in questa situazione”. Il campione del mondo di spada ha le idee chiare su chi possa sostituire il tecnico toscano: “Io fare una scelta in linea con quella fatta dalla Roma con De Rossi prendendo un ex giocatore che possa stimolare l’orgoglio dei giocatori e dare la scossa in questi ultimi due mesi di stagione. A me piacerebbe, anche se forse sono un po’ influenzato dall’affetto che provo per lui, Angelo Gregucci”. 

 

 

Dai vertici del Lazio Club Montecitorio, l’associazione che raduna gli onorevoli biancocelesti di ogni schieramento, arriva l’apprezzamento per il gesto del tecnico toscano, che ha rimesso il mandato nonostante il suo contratto prevedesse uno stipendio di 3,5 milioni di euro netti a stagione fino al prossimo anno. “La dimissione è un atto nobile, in un mondo dove normalmente nessuno si dimette. Ma non conosco il retroscena o le motivazioni”, commenta con l’Adnkronos il deputato di Fratelli d’Italia e presidente del Lazio Club Montecitorio Paolo Trancassini.  

“Certamente – osserva il questore della Camera – la Lazio è in un momento di crisi, probabilmente Sarri avrà ritenuto di dare una scossa all’ambiente. Se penso che qualche giorno fa ci giocavamo l’accesso ai quarti di Champions League contro il Bayern dopo una partita d’andata straordinaria, la situazione attuale non è bella. Però penso anche che la Lazio abbia tutti gli elementi per ripartire, abbiamo una semifinale di Coppa Italia da giocare, con la possibilità di conquistare ancora un trofeo”. 

Per Trancassini “c’è necessità di cambiare pagina e di avere consapevolezza dei propri mezzi per uscire da questa situazione”. Complice della stagione opaca dei biancocelesti è anche la cattiva sorte, secondo il deputato di Fdi: “La Lazio è stata sfortunata: se per esempio entrava il gol di Immobile col Bayern, era tutta un’altra partita…”. 

Non nasconde la sua delusione Giorgio Mulè, vicepresidente azzurro della Camera, ma anche grandissimo tifoso biancoceleste. “L’addio di Sarri? Sto a lutto, è inutile girarci intorno, non dovevamo essere noni in classifica, né dovevamo uscire dalla Champions… Abbiamo perso male a Monaco, abbiamo perso male ieri sera -ammette interpellato dall’AdnKronos- . Ora tocca al presidente Lotito tirare fuori dal cilindro il coniglio, anzi, meglio, l’aquila…”. “Non mi permetto certo di dare consigli, vedrà lui cosa c’è sul mercato, Klose e Rocchi sono due nomi che circolano, due nomi che offrono ampie garanzie, ma tocca al patron, io chiedo di vivere questo momento in silenzio…”.