Home ULTIM'ORA Elezioni Russia, Putin in gara con Stalin per il record al vertice

Elezioni Russia, Putin in gara con Stalin per il record al vertice

Adnkronos
76
0

(Adnkronos) – Vladimir Putin è arrivato al Cremlino più di 24 anni fa, il 31 dicembre del 1999 e ci rimarrà, dopo il voto dall’esito scontato, fino al 2030 quando avrà superato perfino Stalin per longevità al vertice. Se lo vorrà, avrà la possibilità di rimanere al potere fino al 2036. A chiamare l’allora Premier ad assumere la carica di Presidente facente funzione era stato, a sorpresa, Boris Eltsin che aveva contemporaneamente rassegnato le sue dimissioni. Quello stesso giorno a Putin erano state consegnate la valigia con i codici nucleari, una copia della Costituzione russa – che modificherà più volte per consolidare ed estendere il suo potere – e l’emblema del Presidente. 

La prima prova delle urne per l’ex agente del Kgb a Dresda arriva pochi mesi dopo, il 26 marzo del 2000. Vince le elezioni con il 53 per cento dei voti. Ma la sua popolarità andrà crescendo negli anni, complice l’aumento dei prezzi di petrolio e gas che gli consentono di finanziare il versamento regolare delle pensioni e degli stipendi dei dipendenti pubblici e progetti. E sulla scia del clima di terrore innescato dalle esplosioni nei condomini del Paese del 1999 e dalla seconda guerra in Cecenia. Nel 2004 viene rieletto con il 71,3 per cento dei voti.  

Nel 2008, esauriti i due mandati consecutivi da Presidente previsti dalla Costituzione del 1993, l’ex direttore dell’Fsb annuncia il primo cambio di poltrona con il Premier Dmitry Medvedev. Che pochi mesi dopo l’approdo al Cremlino ripaga il favore introducendo una riforma che estende il mandato del Presidente da quattro a sei anni. Un passo che anticipa il secondo cambio di poltrona fra Madvedev e Putin che, nel 2012, si ripresenta per il suo terzo mandato al Cremlino, in un clima nuovo e più scuro. Vince queste elezioni con il 63,6 per cento dei voti.  

Le proteste di piazza a Mosca e San Pietroburgo a cavallo fra il 2011 e il 2012 contro i brogli alle elezioni legislative e pochi mesi dopo a quelle presidenziali, il balletto fra Putin e Medvedev, le ruberie di Russia unita, definito in quei mesi il partito dei ladri e dei truffatori da Aleksei Navalny, fanno scattare repressioni politiche sistematiche, anche se diluite, con l’introduzione di nuove leggi, a partire da quella sulle ong considerate agente straniero. 

Nel 2018 Putin affronta le urne per la quarta volta. Viene rieletto con il 76,7 per cento dei voti in elezioni che l’Osce giudica “prive di reale competizione” e in cui rileva “pressioni sugli elettori” ma che per il Cremlino rappresentano una celebrazione della solida maggioranza che si è creata nel paese dopo l’annessione della Crimea, il cui quarto anniversario, non a caso, coincide con il giorno di apertura delle urne. 

All’inizio del 2020 Putin presenta più di 200 emendamenti della Costituzione, poi ratificati in un referendum, fra cui quello consente agli ex Presidenti in vita, quindi a lui e a Medvedev, di vedere azzerati i loro mandati. Quindi che consente a lui di ripresentarsi quest’anno. Ma anche nel 2030. Emendamenti “approvati in tutta fretta” che “violano la legge russa in diversi modi”, come ha scritto sul Washington Post, dalla colonia penale a regime speciale dove sconta una condanna a 25 anni di carcere per tradimento, l’oppositore Vladimir Kara-Murza, sottolineando che il mandato di Putin scade il 7 maggio e che da allora, indipendentemente dall’esito del voto di questo fine settimana, sarà un Presidente illegittimo.