Home ULTIM'ORA Elezioni presidenziali in Russia, oggi terzo e ultimo giorno di voto

Elezioni presidenziali in Russia, oggi terzo e ultimo giorno di voto

Adnkronos
93
0

(Adnkronos) – Le elezioni presidenziali in Russia sono entrate oggi, domenica 17 marzo 2024, nel loro terzo e ultimo giorno. Il voto è destinato a garantire al presidente Vladimir Putin, 71 anni, che domina la politica russa da quasi un quarto di secolo, un altro mandato di sei anni fino al 2030. Il Cremlino ha organizzato il voto in modo da dimostrare il presunto alto livello di fiducia della popolazione in Putin e il sostegno alla sua guerra contro l’Ucraina si legge sulla ‘Dpa’.  

Secondo esperti indipendenti di leggi elettorali in Russia e all’estero, le condizioni del voto non sono né libere né corrette: l’opposizione è esclusa e i tre candidati autorizzati all’opposizione sono considerati fedeli al Cremlino. Numerosi rapporti mostrano che vengono esercitate pressioni sui russi affinché partecipino alle elezioni. Già sabato pomeriggio, l’amministrazione elettorale centrale ha riferito che più della metà dei circa 114 milioni di elettori aventi diritto aveva votato nei seggi o online. 

Diverse forze di opposizione hanno invitato i cittadini a recarsi alle urne domenica a mezzogiorno esatto del loro fuso orario. Le code che si formano davanti ai seggi elettorali dovrebbero dare l’impressione che molte persone non siano d’accordo con Putin e le sue politiche. Si teme che la protesta possa portare ad arresti. Le autorità hanno avvertito gli elettori di non partecipare alla campagna, che a loro dire mostrerebbe “segni di attività estremista”. 

Le elezioni si svolgono in 11 fusi orari nel Paese più grande del mondo. I primi seggi elettorali sono stati aperti nelle regioni più orientali di Chukotka e della penisola di Kamchatka, gli ultimi nell’exclave di Kaliningrad sul Mar Baltico. Il conteggio finale dovrebbe essere completato entro lunedì mattina. A livello internazionale, è stato particolarmente criticato il fatto che le elezioni fittizie si svolgano anche nei territori ucraini occupati. La Russia ha annesso questi territori in violazione del diritto internazionale. 

Intanto le autorità elettorali russe hanno dichiarato sabato che sono stati bloccati circa 160.000 cyberattacchi alle risorse di voto elettronico a distanza del Paese. Gli attacchi sono stati diretti principalmente verso il portale di voto, con 30.000 attacchi lanciati contro il portale di monitoraggio del sistema di voto elettronico a distanza, ha dichiarato Ella Pamfilova, capo della Commissione elettorale centrale russa. Vadim Kovalev, capo della sede pubblica per l’osservazione delle elezioni a Mosca, ha dichiarato sabato che i cyberattacchi ai sistemi informatici di Mosca sono stati rintracciati negli Stati Uniti e in Gran Bretagna: “Vediamo che la maggior parte dei server da cui provengono gli attacchi sono situati negli Stati Uniti e nel Regno Unito, almeno così sono stati rilevati”, ha detto Kovalev. L’ottava elezione presidenziale in Russia è prevista per il 15-17 marzo. Il voto elettronico a distanza sarà introdotto per la prima volta in alcune parti del Paese.