Home ULTIM'ORA Michele Riondino, post con La Russa e foto Mussolini a testa in...

Michele Riondino, post con La Russa e foto Mussolini a testa in giù: è bufera

Adnkronos
89
0

(Adnkronos) – Bufera social sul post dell’attore e regista Michele Riondino che il 25 aprile per celebrare la Festa della Liberazione ha postato su Facebook, capovolgendola e dunque con i protagonisti a testa in giù, una vecchia foto che ritrae l’attuale presidente del Senato, Ignazio La Russa, accanto ad una foto di Benito Mussolini.  

Riondino, che è impegnato in questi giorni come direttore artistico del Primo Maggio di Taranto insieme a Diodato e Roy Paci, ha scritto accanto alla foto: “La cosa veramente divertente è che c’è stato un tempo in cui i fascisti erano più autentici, più spavaldi, erano leoni, anche se solo per un giorno. Rivendicavano la loro identità senza paura di essere accusati di essere traditori e assassini della patria. Oggi invece hanno paura di definirsi, di rivendicare la loro fede. Tradiscono la loro identità giurando sulla costituzione antifascista e poi per stare seduti sulla poltrona diventano campioni della super cazzola, cintura nera di arrampicata sugli specchi. Lo dico sinceramente. Non ci sono più i fascisti di una volta. Solo pecore. Ecco cosa sono i fascisti di ieri che sono diventati i governanti di oggi. Meglio una vita da pecora che un giorno da leoni. Viva la resistenza”.  

Sotto il post di Facebook tanti commenti tra plausi e insulti. C’è chi scrive “bravissimo” e chi gli dà del “regista fallito”, chi lo adula (“sei meraviglios”) e chi lo stronca: “Gli stalinisti-talebani siete sempre gli stessi. Assassini e vigliacchi. Il fascismo è morto e sepolto. I balordi comunisti talebani purtroppo ci sono ancora”. 

A stretto giro le reazioni. “L’uscita di Michele Riondino sul presidente del Senato Ignazio La Russa è vergognosa – dichiara il presidente di Fratelli d’Italia in Senato, Lucio Malan – Sono stucchevoli questi personaggi in cerca di facile pubblicità a buon mercato. Sono gli stessi personaggi pronti a gridare allo scandalo di fronte a qualsiasi critica, anche garbata, a figure istituzionali, se provenienti dalla sinistra. Fomentare l’odio, evocare l’uccisione di avversari politici nuoce a tutti ed è in totale contrasto alla Costituzione, quella Costituzione che quei personaggi sanno solo citare, senza capirla, senza rispettarla”.  

“Un post vergognoso quello pubblicato dall’attore Michele Riondino su Facebook contro il presidente del Senato, Ignazio La Russa – commenta Tommaso Foti, capogruppo di Fratelli d’Italia alla Camera – Frasi e immagini ingiuriose, tanto più inaccettabili essendo rivolte contro la seconda carica dello Stato, intrise di una violenza che è benzina per alimentare un odio becero e pericoloso. A quanto pare, il protagonista di detta disgustosa esibizione sui social sarebbe stato scelto come direttore artistico del festival dell’uno maggio a Taranto. È pur vero che pur di fare pubblicità ad un proprio film c’è gente come Riondino disposta a tutto, ma pare naturale e dovuta la revoca del menzionato incarico a un personaggio di cui sono noti solo i demeriti”. “Al Presidente del Senato, Ignazio La Russa, di cui ben conosciamo l’apprezzata e condivisa storia politica, ed il coraggio di avere sempre affrontato la stessa a testa alta – non sicuramente a testa in giù – la piena solidarietà del gruppo di Fdi alla Camera”, conclude Foti.