Home ULTIM'ORA “Ho ucciso il mio cane”, la rivelazione choc della possibile vice di...

“Ho ucciso il mio cane”, la rivelazione choc della possibile vice di Trump

Adnkronos
83
0

(Adnkronos) – Kristi Noem, la governatrice del South Dakota considerata una delle possibili vice di Donald Trump alle prossime elezioni, è stata travolta da polemiche e critiche, anche da destra, dopo che è emerso che nel libro che sta per pubblicare racconta di aver personalmente ucciso il suo cane di 14 mesi perché “indisciplinato”.  

“Odiavo quel cane, non era possibile addestrarlo, era pericoloso, non valeva niente come cane da caccia, e in quel momento ho capito che dovevo abbatterlo”, ha scritto la 52enne ultra trumpiana governatrice, diventata famosa durante il Covid per essersi rifiutata di firmare l’obbligo di indossare le mascherine, nel libro ‘No Going Back: The Truth on What’s Wrong with Politics and How We Move America Forward’ (‘Nessun passo indietro: cosa è sbagliato in politica e come far avanzare l’America’, ndr.) di cui il Guardian ha ottenuto un’anticipazione.  

La colpa di Cricket, il bracco tedesco di poco più di un anno da lei abbattuto e poi gettato in una cava di ghiaia, era quella di aver rovinato una caccia al fagiano ed ucciso le galline del vicino. Se l’intenzione di Noem era quella di provare di essere dura e determinata, la cosa rischia di essere un boomerang nell’America in cui l’amore per i pet è una sorta di religione. Non a caso, la campagna di Biden ha postato foto del presidente con il pastore tedesco Commander – protagonista di una lunga serie di aggressioni a agenti del Secret Service che hanno portato al suo allontanamento dalla Casa Bianca, non certo ad abbatterlo – e di Kamala Harris che fa le coccole ad un cane.  

Critiche stanno arrivando anche da destra. “Io amo i cani e veramente sono orripilata da quello che ha scritto Noem, non avrei mai voluto leggerlo, a 14 mesi un cane è un cucciolo e può essere addestrato, gran parte dei cattivi comportamenti dei cani dipendendo dai cattivi addestramenti degli umani”, ha dichiarato Alyssa Farah Griffin, ex staff della Casa Bianca di Trump, ora critica dell’ex presidente, sottolineando che i “cani sono un dono di Dio, chiunque in modo non necessario fa male ad un animale perché dà fastidio dovrebbe essere curato”.  

“Quando ho visto i tweet su Noem che ha assassinato il suo cucciolo, ho pensato, ‘Diavolo, uno degli altri candidati al posto di Vp ha trovato materiale sporco su di lei’, ma poi ho visto che lo ha scritto lei stessa. Non so perché qualcuno debba vantarsi di una cosa del genere a meno che non sia malato”, le ha fatto eco Sarah Matthews, un’altra ex della Casa Bianca di Trump, ora critica del tycoon.  

Il fatto è che nel libro Noem – che prima di iniziare nel 2006 la carriera politica si è occupata del ranch di famiglia in South Dakota – non solo descrive come ha sparato al suo cane, ma anche come ha scelto di abbattere un capra, sempre perché troppo agitata, sparandole tre colpi di fucile. E, di fronte al clamore e alla polemica provocata dalle sue rivelazioni, non sembra per niente intenzionata a fare un passo indietro, proprio come recita il titolo del libro in uscita il mese prossimo.  

“Amiamo gli animali, ma decisioni devono essere prese ogni giorno in una fattoria” ha scritto su X replicando alle rivelazioni del Guardian. “Non è stato un lavoro piacevole, ma doveva essere fatto, e dopo mi sono resa conto che un altro lavoro spiacevole doveva essere fatto”, ha aggiunto riferendosi all’uccisione prima del cucciolo e poi della capra, da lei definita “cattiva”.  

Una difesa destina a non placare le polemiche, se un gruppo di governatori democratici hanno risposto, sempre sui social, alla collega repubblicana postando le foto dei loro “pet” esortando anche gli altri utenti a fare lo stesso. “Pubblica una foto del tuo cane che non coinvolga il fatto di sparargli e buttarlo in una cava”, ha scritto il governatore del Minnesota, Tim Walz, seguito dai colleghi di Michigan, New Jersey.  

Anche il comitato democratico ha commentato la vicenda, dando la parola ai loro stessi pet: “Avevamo sentito dai nostri padroni quanto estremisti e pericolosi Donald Trump e i suoi alleati estremisti del Maga potessero essere, ma niente ci ha preparato all’inquietante ed orribile passaggio che Kristi Noem ha scelto di mettere nel suo libro”.