Home ULTIM'ORA Mara Maionchi a Belve: “Tiziano Ferro non ha capito la fortuna di...

Mara Maionchi a Belve: “Tiziano Ferro non ha capito la fortuna di avermi incontrata”

Adnkronos
104
0

(Adnkronos) – “Tiziano Ferro non ha capito la fortuna di avermi incontrata”. A ‘Belve, nell’ultima puntata in onda domani martedì 30 aprile in prima serata su Rai2, Mara Maionchi, temuta quanto amata discografica italiana, si libera di alcuni sassolini e si confessa. “Il gioco d’azzardo? Esageravo si”, “Il tradimento di mio marito Alberto? In parte fu anche colpa mia”, “Sessualmente? sono da abat-jour”.  

Quando Francesca Fagnani le ha chiesto ‘Mi dice chi non ha capito che incontrarla è stata una fortuna?, Maionchi è stata netta: “Tiziano Ferro”. Fagnani allora ha insistito: ‘Perché secondo lei?’. “Perché non ha pensato che sia io che mio marito l’abbiamo aiutato ad essere quello che alla fine, in parte, è”, ha sottolineato. 

Sul gioco d’azzardo, quando Fagnani le ha chiesto ‘Ha mai avuto un inizio di dipendenza?’, Maionchi ha risposto: “Non so se dire se ho una dipendenza, però mi piace, poi mi contengo”. A quel punto la conduttrice le ha ricordato di quando si fece interdire dai casinò con una lettera autografa: “Sì, mi sono fatta sospendere, esageravo, quello era un modo per difendersi”. 

A proposito del tradimento del marito, scoperto nel più banale dei modi – trovando una ricevuta d’albergo nella tasca dei pantaloni – Fagnani ha scherzato: “Ma Alberto voleva scaricare l’iva?”. E Maionchi: “Devo ammettere che in parte è stata anche colpa mia se ha cercato qualcosa fuori. La luce rossa non c’era mai, una tragedia insomma”. E ridendo ha confermato: “Sessualmente sono un po’ modesta… non sono proprio portata per le luci rosse… ho sempre l’abat jour”. 

C’è stato spazio per parlare anche di una parte più inedita della vita di Mara Maionchi, ovvero l’infanzia e il conflittuale rapporto con la madre che non andò neanche al suo matrimonio: “Non è venuta perché ha detto che a lei i matrimoni facevano tristezza. Mamma era strana, non era una donna affettuosa, però è stata molto forte”. Fagnani allora ha chiesto: ‘Ma a lei è andato bene così, oppure le è mancato qualcosa?” “Qualcosa mi è mancato – ha confessato Maionchi- l’ho sollecitata tutta la vita a darmelo l’affetto, un abbraccio, una cosa… ma lei non ce l’aveva. E l’ho capito dopo. Ognuno è come è”.