Home ULTIM'ORA Ostaggi e tregua a Gaza, Israele attende risposta Hamas. Oggi delegazione al...

Ostaggi e tregua a Gaza, Israele attende risposta Hamas. Oggi delegazione al Cairo

Adnkronos
105
0

(Adnkronos) – E’ previsto per la giornata di oggi l’arrivo al Cairo di una delegazione israeliana per ulteriori colloqui sugli ostaggi, mentre Israele ancora continua ad aspettare una risposta di Hamas all’ultima proposta di rilascio di ostaggi in cambio di tregua. “Stiamo ancora aspettando la risposta di Sinwar”, ha detto una fonte israeliana, citata dal sito Walla, riferendosi al leader di Hamas a Gaza.  

Secondo fonti citate da Channel 12, riprese da Times of Israele, il governo israeliano avrebbe inserito “drastiche” concessioni nell’offerta ad Hamas, ed un accordo potrebbe essere raggiunto velocemente se Hamas rinuncia alla richiesta della fine della guerra ed un completo ritiro delle forze israeliane da Gaza.  

Ad Hamas è stato offerto un cessate il fuoco di 40 giorni e il rilascio “potenzialmente” di “migliaia” di prigionieri palestinesi in cambio della liberazione degli ostaggi israeliani ancora a Gaza, ha reso noto ieri il ministro degli Esteri britannico, David Cameron, durante una riunione del World Economic Forum a Riad. All’organizzazione palestinese è stata fatta “un’offerta molto generosa di un cessate il fuoco prolungato di 40 giorni, il rilascio di potenzialmente migliaia di prigionieri palestinesi in cambio del rilascio di questi ostaggi”, ha detto Cameron. 

E’ ”Hamas l’unico ostacolo a un accordo sul cessate il fuoco” nella Striscia, le parole ieri del Segretario di Stato americano Antony Blinken intervenendo al World Economic Forum e rivolgendo un messaggio a Hamas, al quale ha chiesto di ”decidere presto” sulla proposta di accordo. La regione si trova ad affrontare ”probabilmente la peggiore crisi in Medio Oriente dal 1948”, ha sottolineato Blinken, ribadendo che gli Stati Uniti stanno ”cercando di porre fine al conflitto a Gaza e di garantire che non ci sia una escalation”. 

Secondo Blinken ”Hamas ha davanti a sé una proposta straordinariamente generosa da parte di Israele. E in questo momento l’unica cosa che si frappone tra il popolo di Gaza e un cessate il fuoco è Hamas. Devono decidere e devono decidere in fretta. E spero che prenderanno la decisione giusta”. 

Il ministro degli Esteri egiziano, Sameh Shoukry, si è intanto detto “fiducioso” riguardo la nuova proposta di tregua. “La proposta ha tenuto conto delle posizioni di entrambe le parti e ha cercato di ottenere moderazione”, ha dichiarato Shoukry, mentre una delegazione di Hamas è arrivata al Cairo per colloqui. 

C’è però una crescente preoccupazione tra gli Stati Uniti e i suoi alleati che possibili mandati d’arresto emessi dal Tribunale penale internazionale nei confronti di funzionari israeliani possano far saltare un delicato equilibro mentre Israele si avvicina ad un accordo con Hamas, riporta il corrispondente da New York di Ynet, citando fonti informate.  

Secondo quanto riferito domenica dal Times of Israel, che citava fonti del governo israeliano, Tel Aviv sta portando avanti un’azione concertata per sventare temuti piani da parte dell’organismo giuridico internazionale tesi ad emettere mandati di arresto contro Benjamin Netanyahu ed altri alti esponenti del suo governo. Secondo le fonti, in particolare si temono incriminazione con cui Israele verrebbe accusato di “aver deliberatamente lasciato morire di fame i palestinesi a Gaza”. 

“Ogni dichiarazione” sulla possibilità che qualche Paese europeo riconosca lo Stato palestinese è “un premio per i terroristi di Hamas”, avverte intanto su X il portavoce del ministero degli Esteri israeliano, Oren Marmorstein, secondo cui “il mondo e l’Europa dovrebbero concentrarsi in questo momento sul rilascio immediato dei 133 rapiti e sulla distruzione dell’organizzazione terroristica Hamas”. “Chi promuove un’agenda diversa – denuncia – fa il gioco di Hamas e ostacola gli sforzi per arrivare ad un accordo sulla liberazione dei sequestrati e un cessate il fuoco umanitario”. 

Le parole del portavoce arrivano dopo le dichiarazioni di ieri dell’Alto rappresentante per la politica estera europea, Josep Borrell, secondo cui “diversi Stati Ue riconosceranno Palestina entro fine maggio”.