Home ULTIM'ORA Ucraina, sventato piano per omicidio Zelensky: “Mosca voleva rapirlo e ucciderlo”

Ucraina, sventato piano per omicidio Zelensky: “Mosca voleva rapirlo e ucciderlo”

Adnkronos
74
0

(Adnkronos) –
Un piano per uccidere il presidente ucraino Volodymyr Zelensky è stato sventato dai servizi segreti di Kiev. Lo Sbu, l’agenzia dei servizi ucraini, ha reso noto oggi di aver smantellato una rete di agenti dell’Fsb, i servizi di sicurezza russi, che stava preparando l’operazione per uccidere Zelensky. Nel piano, secondo le news diffuse dallo Sbu su Telegram, coinvolti anche due colonnelli del dipartimento ucraino per la sicurezza, che avrebbero fornito informazioni determinanti ai russi. 

Il piano, secondo Kiev, con la supervisione dell’Fsb da Mosca avrebbe dovuto portare all’eliminazione di Zelensky e di altre figure di primo piano come ‘regalo’ a Vladimir Putin, per l’insediamento del presidente russo. L’Fsb, in particolare, avrebbe cercato di reclutare militari, destinati a compiere materialmente l’azione, tra i reparti impiegati per la protezione del presidente. Il piano avrebbe previsto il rapimento di Zelensky e poi la sua eliminazione. Con il presidente, sarebbero finiti nel mirino il capo dei servizi di sicurezza Vasyl Malyuk, il capo dell’intelligence Kyryll Budanov e altri funzionari e militari di alto livello. 

Il piano, secondo i servizi ucraini, prevedeva una lunga e accurata attività di osservazione con raccolta di informazioni per individuare il domicilio principale degli altri obiettivi. Le coordinate avrebbero quindi permesso di condurre un attacco missilistico a colpo sicuro. Dopo il raid, l’area interessata sarebbe stata raggiunta da droni, che avrebbero dovuto portare il secondo attacco in base un copione che la Russia ha già sperimentato in diverse città dell’Ucraina. L’operazione sarebbe quindi stata chiusa con il lancio di un secondo missile, destinato a devastare ulteriormente l’area e a eliminare, se possibile, le tracce relative all’impiego di droni.