Home ULTIM'ORA Europee, da riforme a lavoro: a Trento il duello (mancato) tra Schlein...

Europee, da riforme a lavoro: a Trento il duello (mancato) tra Schlein e Meloni

Adnkronos
86
0

(Adnkronos) – Il duello mancato in tv oggi si è riproposto come sfida a distanza al Festival dell’Economia di Trento dove Giorgia Meloni ed Elly Schlein si sono alternate, a stretto giro nel pomeriggio, sul palco della manifestazione. La forma è meno intensa e ‘spettacolare’ rispetto a quella del faccia a faccia, ma il botta e risposta, le distanze e le visioni alternative si sono comunque squadernate: dal premierato al lavoro passando per il redditometro e il Superbonus.  

Sul lavoro l’attacco di Meloni è dritto al Pd. “Ringrazio la segretaria del Pd Schlein per ricordarci i disastri che la sinistra al governo in 10 anni ha portato in Italia. E’ vero che i salari crescono meno di quanto crescano in Francia” ma “negli anni precedenti al Covid i salari diminuivano dell’1,5% mentre in Germania aumentavano del 16% e in Francia del 9%. Può chiedere questo alla segretaria del Pd, cosa pensa dei risultati portati sui salari dalla sinistra al governo”.  

Schlein non si sottrae e replica secca: “Cosa rispondo a Meloni? Che se la sinistra avesse fatto tutto bene in questi anni, una come me non avrebbe mai vinto le primarie del Pd…. Sono io che chiedo a Meloni: per quanto tempo, dopo 19 mesi al governo, continuerà a scaricare sui governi precedenti anziché assumersi le responsabilità?”. 

Il capitolo premierato conferma le distanze e la netta opposizione del Pd. Meloni mette in chiaro che sulla sua riforma costituzionale non intende mollare e lo spiega così: “Attualmente la mia vita si svolge così: mi alzo la mattina, cerco di risolvere problemi, vado a dormire, rimane poco tempo per mia figlia. Davvero qualcuno pensa che il mio obiettivo è continuare a fare questa vita? Quindi, io voglio lasciare qualcosa: o la va o la spacca: nessuno mi chieda di scaldare la sedia”.  

E se Meloni non intende tirarsi indietro sul premierato e dal referendum che viene accennato da quel ‘o la va o la spacca’ sottolineato dalla premier, Schlein è pronta a raccogliere la sfida. Anche in un confronto faccia a faccia, che torna ancora una volta nelle parole delle due leader. “Io sono sempre disponibile a un confronto con Giorgia Meloni in qualsiasi momento, avevo persino accettato di farlo anche in Rai”, sottolinea la segretaria Pd alludendo alla critiche dem al servizio pubblico che sarebbe ridotto a Tele-Meloni. E sul punto graffia la premier: “Il problema non è che c’è Tele-Meloni, ma che non c’è più Tele-Pd…”.  

Ma sul merito, al di là della disponibilità al confronto, Schlein tiene fermo un paletto: no all’elezione diretta del premier. Ma nemmeno se la riforma sarà accompagnata da una legge elettorale a doppio turno? Viene sollecitata la segretaria del Pd: “Qualsiasi proposta che contenga questa forzatura dell’elezione diretta del premier fa saltare l’equilibrio tra i poteri dello Stato. I poteri del presidente della Repubblica, per noi, non vanno toccati”. 

Quindi il Superbonus. La presidente del Consiglio spiega: “Noi abbiamo, solo sul Superbonus e sui bonus edilizi, 17 miliardi di truffe, che sono l’intero valore prodotto da tutto il nostro settore del vino in un anno: se n’è andato con le truffe. Io sono una persona seria, non mi assumo la responsabilità di mandare avanti una cosa del genere”. Ma qui Schlein rinfaccia a Meloni di aver votato la proroga del Superbonus: “La cosa che trovo molto ipocrita da parte di Meloni e il governo è che quando sono state votate le proroghe al Superbonus, loro le hanno votate. Loro nel gennaio 2023 hanno bloccato la cessione dei crediti e non hanno fatto nulla in questo anno se non dare la proroga alle villette su cui tanto si sono scagliati. Hanno sempre due facce”.  

Sul redditometro, la premier chiarisce di aver sospeso la norma “perché la voglio vedere meglio” e rivendica la lotta all’evasione: “Vengo accusata di essere amica degli evasori. E va bene, purtroppo i numeri non dicono questo. I numeri dicono che il 2023 è stato l’anno record nel recupero dell’evasione fiscale in Italia”. Ma per Schlein quando si fanno “19 condoni in 19 mesi” di governo si fa una sola cosa: “Si strizza l’occhio ai furbi”. E aggiunge: “Sul redditometro abbiamo visto un governo confuso: prima lo hanno messo, poi hanno fatto marcia indietro. Ha dimostrato grande incoerenza anche Giorgia Meloni”.  

C’è un tema su cui non c’è stato uno scambio a distanza: la questione Toti. E Schlein lasciando il Festival di Trento lo rinfaccia alla premier così: “Ho seguito con grande attenzione l’intervista di Giorgia Meloni al Festival di Trento e sono rimasta stupita che non cogliesse l’occasione per dire una parole sulla situazione della Liguria e l’arresto di Giovanni Toti: è il silenzio degli indecenti”.