Home Focus ‘L’arte risveglia l’anima’, la mostra che annulla qualsiasi differenza

‘L’arte risveglia l’anima’, la mostra che annulla qualsiasi differenza

753
0
Papaveri, acquerello su carta
Papaveri, acquerello su carta

Opere d’arte come “dispositivi relazionali”, strumenti in grado di mettere in contatto persone con disturbi dello spettro autistico con il resto della società facendone emergere le grandi potenzialità creative. Con questo importante obiettivo nasce la mostra itinerante L’arte risveglia l’anima, (www.larterisveglialanima.it) progetto internazionale di inclusione culturale e sociale promosso da Associazione Autismo Firenze, Associazione Culturale L’immaginario e Associazione Amici del Museo Ermitage (Italia) in collaborazione con il Museo Nazionale del Bargello – Museo di Palazzo Davanzati e patrocinato dal MIBACT, Regione Toscana e Comune di Fiesole.

Le opere ispirate ai capolavori della storia dell’arte mostrano l’estro mai narrato di 18 pittori e 6 ceramisti autistici provenienti da Toscana, Piemonte, Lombardia, Lazio e Marche evidenziando il talento degli artisti e coinvolge alcuni tra i più importanti musei presenti sul territorio nazionale.

La mostra, che si snoderà lungo tutto l’arco del 2017, inaugura sabato 1 Aprile alle 16 a Palazzo Davanzati con una selezione di lavori che, in collaborazione con il Museo Nazionale del Bargello – Museo di Palazzo Davanzati, reinterpretano alcune opere della collezione permanente dell’antica magione fiorentina e altri masterpieces promuovendone il valore esistenziale oltre che estetico.

In contemporanea, presso l’edificio dell’Ex-Stato Maggiore del Museo Ermitage, il Centro Anton’s Right Here (Anton è qui accanto) di San Pietroburgo per il lavoro creativo, l’apprendimento e l’abilitazione sociale di persone adulte affette da autismo guidato da Zoya Popova e partner fondamentale dell’intero progetto, inaugura la mostra Coi soli colori (Odnimi kraskami) curata da Ilia Ermolaev. Una diretta streaming durante il vernissage a Palazzo Davanzati consentirà alle autorità presenti di conoscere più nel dettaglio le opere realizzate dagli allievi del centro con la Fabbrica Imperiale di Porcellana.

Manuel e Mondrian, collage su carta
Manuel e Mondrian, collage su carta

Domenica 2 aprile alle 11, Giornata Mondiale dell’Autismo, ciascuno degli artisti coinvolti esporrà, inoltre, parte del proprio repertorio – tele, disegni, sculture di ceramica – presso la Sala del Basolato a Fiesole, a testimonianza di un esercizio espressivo ed emotivo pronto ad essere toccato con mano e a suggerire bellezza.

Lo scopo è quello di sensibilizzare l’opinione pubblica nei confronti delle persone autistiche favoreno il loro inserimento nella società.  “Vogliamo andare oltre la patologia – spiega la coordinatrice del progetto Anna Maria Kozarzewska – queste persone hanno molti punti di forza, talenti nascosti che a causa della mancata vita sociale non vengono fuori. E’ il momento di fare sapere al mondo cosa sono in grado di fare”.

Accompagna il progetto espositivo il bellissimo catalogo in tre lingue – italiano, inglese e russo – L’arte risveglia l’anima curato da Cristina Bucci, con un saggio introduttivo del noto psicologo e psicoterapeuta Giuseppe Maurizio Arduino sul rapporto tra arte e autismo. Il progetto grafico è di Gonzalo Sanchez e Christina Pfeifer, fotografie di Aurelio Amendola e Caroline Elo, edito da Polistampa.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here