Home News Inaugurato il Consolato Onorario della Repubblica di Polonia a Firenze

Inaugurato il Consolato Onorario della Repubblica di Polonia a Firenze

Avatar
96
0

Il taglio del nastro del Consolato Onorario della Repubblica di Polonia a Firenze e, subito prima, la visita di Anna Maria Anders, ambasciatrice di Polonia in Italia, a Palazzo Coppini e all’Auditorium al Duomo, cuore delle attività della Fondazione Romualdo Del Bianco. La nuova sede consolare, in via Jacopo Da Diacceto 32, è stata inaugurata nei giorni scorsi alla presenza di Eugenio Giani presidente della Regione Toscana, Stefano Barlacchi console onorario di Polonia in Toscana, Alessandro Martini assessore del Comune di Firenze e Paolo Del Bianco presidente emerito della Fondazione Romualdo Del Bianco. L’evento è poi proseguito nel salone Europa dell’albergo Londra con la celebrazione dell’anniversario dell’indipendenza polacca, accompagnata dalle musiche di Chopin, Karlowicz e Tosti, nel concerto del Maestro basso baritono Daniel Kotlinski e del pianista Maestro Marco Balderi.

«Grande è la nostra gratitudine verso la Polonia, sempre affermata nelle occasioni ufficiali, condivisa dalla neo presidente della Fondazione Carlotta Del Bianco e dalla vice presidente Caterina Del Bianco – ha detto Paolo Del Bianco -. Il professor Kotlinski, artista internazionale, manager di successo e docente di canto, ha portato la sua italianità in Polonia e nel mondo; ma parte della sua Polonia l’ha portata in Italia, in particolare a Firenze. Questa cerimonia è un’occasione per ringraziarlo per aver collaborato spesso al mio fianco, anche nella progettazione dell’Auditorium al Duomo, per la sala Anfiteatro Andrzej Tomaszewski».

«Oggi il nostro impegno va avanti – ha proseguito Del Bianco –. Anche durante la pandemia abbiamo definito un programma quinquennale, che è anche una grande opera di marketing per la nostra città, per portare a Firenze nel 2025, anno dopo anno, 300 forse 400, 500 “Luoghi ParlantiTM” da ben 100 Paesi dei cinque continenti. La Polonia dovrà essere ben rappresentata, da Zakopane a Danzica, e il Consolato Onorario di Polonia sarà determinante in questi eventi annuali di crescente presentazione delle espressioni culturali locali. Il nostro è quindi un ringraziamento verso la Polonia, le Autorità e gli amici polacchi che in questi anni ci hanno dato l’opportunità di essere e di crescere nelle relazioni internazionali che oggi ci vedono collaborare con 111 Paesi nei cinque continenti e partecipare come relatori a eventi significativi del calibro del Comitato del Patrimonio Mondiale Unesco».

«Si conclude oggi un percorso avviato anni fa con la Fondazione Del Bianco. Oggi è stata anche l’occasione per visitare Palazzo Coppini e, dunque, per apprezzare il valore della Fondazione – ha commentato Stefano Barlacchi, console onorario di Polonia in Toscana -. Continueremo certamente a coltivare in futuro la grande opportunità di collaborare con la Fondazione Del Bianco e il suo Movimento Life Beyond Tourism».

Durante la lunga visita a Palazzo Coppini, Anna Maria Anders, ambasciatrice della Polonia in Italia, ha avuto modo di apprezzare i tanti doni in mostra provenienti dalla Polonia, a testimonianza di un rapporto di amicizia, sinergia e collaborazione che dura ormai da moltissimi anni testimoniata da numerosi premi, tra cui spiccano riconoscimenti prestigiosi. Tre del Ministro per la Cultura e Patrimonio Nazionale di Polonia, uno del Sindaco di Cracovia e il Premio Premio Jan Zachwatowicz, il professore cui si riconosce la ricostruzione del Centro Storico di Varsavia e suocero del famoso regista Andrzej Witold Wajda.

Nel dettaglio, la Fondazione Romualdo Del Bianco ha ricevuto nel 2015, dal Ministro per la Cultura e Patrimonio Nazionale di Polonia, Piotre Zuchowski, la Medaglia d’argento “Distinguished Culture Gloria Artis” (Varsavia, 7 ottobre 2015) e la medaglia celebrativa per il 100° anniversario dell’Università Tecnica di Varsavia “Gloria Artis Medal” (Varsavia, 23 giugno 2015). Nel 2013 è arrivato il Premio Jan Zachwatowicz “per i risultati eccezionali nella ricerca e nella conservazione dei monumenti”. Nell’occasione, la Fondazione ha ricevuto anche i disegni del professore Jan Zachwatowicz, donati dalle sue due figlie per mano del regista Andrzej Witold Wajda (Varsavia, 6 dicembre 2013).

Nel 2007, ecco anche la Medaglia “Honoris Gratia” dalle mani del Sindaco di Cracovia, Jacek Majchrowski in“riconoscimento dei grandi meriti per lo sviluppo della scienza e della cultura della nostra città” (Cracovia, 20 Settembre 2007). Infine, nel 2002, “in riconoscimento del prezioso contributo alla diffusione della cultura polacca”,‘L’Ordine al Merito Culturale’ n° 565/2002 Varsavia 14.02.2002” conferito dal Ministro della Cultura per conto del Governo della Repubblica di Polonia, ricevuto dall’Ambasciatore della Repubblica di Polonia in Italia, Michal Radlicki (Firenze, 2 Marzo 2002, Salone dei Duecento di Palazzo Vecchio).

Proprio la Polonia sarà fra l’altro protagonista, con il territorio di Lódź e con la locale Academy of fine arts, al primo Festival Internazionale delle espressioni culturali del mondo “The World in Florence” organizzato sotto l’Alto Patronato del Parlamento Europeo. L’evento si svolgerà nei giorni 25, 26, 27 e 28 novembre, nella Galleria delle Carrozze di Palazzo Medici Riccardi.