Home STARBENE / GUSTO ‘‘Villa Saletta in Tour’, sdoganato l’abbinamento vino-pizza

‘‘Villa Saletta in Tour’, sdoganato l’abbinamento vino-pizza

admin
899
0

di Elisabetta Failla

Dopo Milano, Villa Saletta in Tour, il viaggio con i vini della fattoria di Palaia (Pi) in giro per l’Italia con importanti firme vinicole e gastronomiche, ha fatto tappa a Firenze. Giunto alla terza edizione, quest’anno l’abbinamento scelto è quello della pizza d’autore. Lo diciamo subito: l’abbinamento vino + pizza è davvero interessante ed è sicuramente una valida alternativa a birra + pizza

Nel capoluogo toscano i vini di Villa Saletta sono stati abbinati alle pizze di Mario Cipriano de Il Vecchio e Il Mare, una delle più note e apprezzate pizzerie fiorentine che per quattro volte ha ricevuto i tre spicchi del Gambero rosso. Con la presenza dei giornalisti Roberta Perna e Leonardo Romanelli e con la presenza dell’amministratore e direttore tecnico dell’azienda David Landini.

Villa Saletta è antica fattoria di oltre 1400 ettari con vigneti, oliveti, boschi tartufaie, seminativi e bosco, oltre a tre ville per l’accoglienza dedicata ad un turismo di lato livello che si trova a Montanelli vicino a Palaia ( in provincia di Pisa). vicina ad un antico borgo, Villa Saletta, utilizzato anche come set fotografico come, per esempio, per La Notte di San Lorenzo dei Fratelli Taviani.

I vini vengono prodotti con Sangiovese, Cabernet Sauvignon, Cabernet Franc e Merlot, vitigni internazionali che si sono ben adattati all’ambiente circostante. D’altra parte l’obiettivo fondamentale dell’azienda è quello di produrre vini di qualità grazie all’innovazione tecnica e tecnologica ma con il massimo rispetto per la tradizione e per l’ecosistema del suo territorio.

Il primo vino in degustazione è stato Villa Saletta Rosé Igt 2021, un blend di Sangiovese, Merlot, Cabernet Franc e Cabernet Sauvignon. Che fa solo acciaio e bottiglia ma che è davvero molto piacevole da bere. Fruttato, soprattutto ciliegia e frutti rossi, e minerale al naso, al gusto è morbido, fresco e acido e leggermente persistente.

Un vino che si fa bere e che abbiamo degustato con un gustoso Padellino con crema di fiordilatte affumicato, porchetta di mare, patate del Casentino sfogliate.

Abbiamo proseguito la degustazione con Villa Saletta Chiave di Saletta Igt Toscana 2018, un blend di Sangiovese 50%, Cabernet Sauvignon 20%, Cabernet Franc 20% e Merlot 10%. Le vigne sono allevate in 6 ettari di terreno prevalentemente argilloso. Già in vigna si lavora per la qualità del vino rimuovendo le foglie e diradando i grappoli. Le uve dei vari vitigni fermentano e affinano separatamente in barrique di rovere francese anche di secondo e terzo passaggio. I vini vengono poi assemblati qualche tempo prima dell’imbottigliamento.

Un vino che al naso mostra sentori di frutti nera matura e di rose rosse  appassite, note speziate e balsamiche e leggere note vegetali e di cacao. Al gusto è pieno, avvolgente con tannini setosi e morbidi ma anche fresco e sapido, equilibrato con una bella persistenza. In abbinamento- con la Pizza alla pala, con peposo di tonno, pecorino Juncu e spinacino fresco, davvero buona e particolare.

Abbiamo proseguito la con Villa Saletta Giulia Igt Toscana 2018, un blend di 60% Cabernet Franc e 40% Cabernet Sauvignon. Un vino che al naso sprigiona sentori di ciliegia, frutti neri maturi, note speziate e di pepe nero, liquerizia e boisé. Al gusto appare elegante e armonioso, delicato e morbido con tannini setosi e un finale persistente.

In abbinamento è stata servita un “classica” Margherita: impasto margherita con fior di latte di Napoli e pomodoro San Marzano. La semplicità che paga sempre!

L’ultimo vino degustato è stato Villa Saletta Chianti Superiore Docg 2018, 92% Sangiovese e 4% Merlot e 4% Cabernet Sauvignon che riescono ad ammorbidire la sua tannicità. Il vino affina in parte in botte grande e in parte in barriques di terzo e quarto passaggio. Al naso si percepisce subito un’esplosione di spezie dolci e si pepe nero e note balsamiche che lasciano il posto ai sentori di rosa e violetta e frutti rossi e neri maturi e infine legno tostato. Al palato appare avvolgente, complesso con tannini vellutati, sapido, equilibrato e persistente.

In abbinamento abbiamo gustato una piacevole pizza con fior di latte di Napoli affumicata, gorgonzola mascarponato, Speck del Friuli e tarallo napoletano sbriciolato.

I prossimo appuntamenti di Villa saletta in Tour sono:

Martedì 14 novembre – Reggio Emilia – ore 20.30 Pizzeria Piccola Piedigrotta in piazza XXV Aprile 1 con Giuseppe Carrus e le pizze di Giovanni Mandara. Per info e prenotazioni: 0522 434922

Data in fase di definizione –  San Martino Buon Albergo (Verona) – ore 20.30. Pizzeria Renato Bosco in piazza del Popolo 46 insieme ad Alessandra Piubello ed alle pizze di Renato Bosco. Per info e prenotazioni:  331 987 3375

A breve sarà comunicata anche la pizzeria selezionata dal giornalista Luciano Pignataro e la data dell’evento.