Home FOCUS Nardella / regalo di Pasqua. I pali del Tram alla stazione per...

Nardella / regalo di Pasqua. I pali del Tram alla stazione per sempre. Costa troppo la trasformazione elettrica

admin
698
0
pali stazione firenze tram
Di Piero Campani
Nel silenzio tutti gli operatori della mobilità è arrivata la sentenza da parte dei fabbrica dei treni suburbani ormai classificati Vintage che a Firenze sono diventati tram ingombranti contro quelli snelli che hanno adottato citta come Ginevra, Zurigo, Valencia, Vienna, Etc.

IL MOTIVO?

Costa troppo adeguare gli attuali mezzi a trazione elettrica. Conviene aspettare che le attuali vetture siano da rottamare prima di passare all’elettrico. Il sindaco ha sempre affermato che  la trasformazione degli attuali tram era possibile. Non mancando la solita fotografia alla guida.

Nardella andava in giro per la città affermando che “Appena arriveranno i tram trasformati i pali della stazione spariranno” Arrivata la verità costano e poi non saranno mai funzionali come quelle nati fin dal progetto con trazione elettrica.

https://www.gazzettadifirenze.it/237898/castello-di-sammezzano-di-nuovo-allasta-la-richiesta-lo-acquisti-lo-stato/

NOI LO SAPEVAMO

Lo sapevamo. Non perché siamo più bravi ma perché abbiamo anni e anni di esperienza nel mondo della mobilità. Molti si ricorderanno l’arrivo del Retrofit quando arrivarono le marmitte catalitiche. Fu un flop o quasi.

AUTO ELETTRICHE

Bastava riflettere sul mondo elettrico che sta arrivando. Fare una vettura a batterie sarebbe stato facile. Prendere una qualsiasi auto e mettere il motore di un grande elettrodomestico. Ma distribuzione dei pesi, collocazione delle batterie etc. Insomma ripartire da zero. Ecco perché le auto elettriche sono nate tutte da zero. Telaio, collocazione batterie, studiare i pesi perché una vettura deve essere neutra in curva, in frenata etc.

FIRENZE CITTA’ DEI PALI E DEI CORDOLI

Basta guardare piazza della Libertà, via Lavagnini, etc oppure ganci ai palazzi. per non parlare dei cordoli per il tram e delle piste ciclabili quando all’estero si usano quelli di gomma per non ingessare la città.

IL FUTURO?

Nardella ci lascia la tramvia, ma ormai passata come tecnologia. Quando sarà finita con il collegamenti con Campi e Sesto, Rovezzano nel mondo ci saranno mezzi a idrogeno, a batterie e nel caso più avanzato con il tappeto ad induzione.