Home ULTIM'ORA Mafia e voto di scambio a Palermo, arrestato l’ex consigliere comunale Mimmo...

Mafia e voto di scambio a Palermo, arrestato l’ex consigliere comunale Mimmo Russo

Adnkronos
92
0

(Adnkronos) – I carabinieri del Comando provinciale di Palermo hanno arrestato Mimmo Russo, ex consigliere comunale di Palermo di Fratelli d’Italia. E’ finito in manette in esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare, emessa dal gip di Palermo su richiesta della locale Direzione distrettuale antimafia, che ha stabilito i domiciliari per altre due persone. 

Dalle indagini, condotte dal Nucleo investigativo dei carabinieri di Palermo nel periodo 2020/2023 su delega della Dda, sarebbe emerso un “rapporto di reciproca convenienza” tra il sindacalista, amministratore locale del comune metropolitano, in carica sino al giugno del 2022, ed esponenti di Cosa nostra palermitana. Le accuse sono state a vario titolo, di concorso esterno in associazione mafiosa, estorsione aggravata dal metodo mafioso, corruzione, traffico di influenze illecite aggravato dall’aver favorito l’associazione mafiosa.  

Mimmo Russo si sarebbe adoperato in favore dell’approvazione di una variante al Piano regolatore cittadino, “tesa a modificare da ‘verde agricolo’ ad ‘area commerciale’ la destinazione dei terreni sui quali avrebbe dovuto sorgere un centro commerciale”. Secondo l’accusa, come contropartita avrebbe ottenuto un “cospicuo numero di assunzioni” nella struttura, posti, spiegano gli investigatori dell’Arma, da “promettere a soggetti legati alla criminalità organizzata, in cambio del sostegno elettorale dell’organizzazione mafiosa”. 

L’inchiesta, infine, ha ricostruito “la promessa ottenuta dal politico di un pacchetto di assunzioni” in una società che si occupa della grande distribuzione alimentare, in cambio di “agevolazioni negli uffici del comune di Palermo e di un incarico di sottogoverno da attribuire a un rappresentante della stessa società commerciale”. 

Avrebbe avuto, anche, “pensanti ingerenze” nei confronti della società che gestisce l’Ippodromo di Palermo. Secondo gli investigatori dell’Arma, coordinati dalla Dda di Palermo, Russo avrebbe condizionato l’operato della società perché “si piegasse al volere dei suoi referenti mafiosi e concorrendo con questi ultimi nella commissione di estorsioni aggravate, ai danni di liberi professionisti che avevano svolto incarichi per conto di quella realtà economico -sportiva e che sono stati costretti, con la minaccia, a rinunciare, in tutto o in parte, al loro compenso”. 

Avrebbe, inoltre, “impiegato vari mafiosi presso il Caf di corso Scinà a Palermo”. “Russo non risultava ufficialmente quale titolare dell’Ufficio – dice il gip – che era invece la sede dei seguenti enti: cooperativa sociale ‘Emergenza Palermo’, una cooperativa e l’associazione Arcos Palermo. L’ufficio in questione è stato anche sede elettorale del candidato Russo alle ultime elezioni amministrative del 2022”. 

Mimmo Russo, racconta il collaboratore di giustizia Francesco Chiarello, “pretendeva il pagamento di 10 euro al mese a testa a titolo di spese sindacali” dai 3.000 lavoratori ex Pip “di cui si occupava”. 

“Era uno di famiglia” ha detto ai magistrati della Dda il collaboratore di giustizia Antonino Siragusa. “Il politico ha storicamente offerto denaro alla famiglia mafiosa del Borgo Vecchio per assicurarsi i voti del quartiere”, dice il gip nell’ordinanza. “Fino al 2000 l’interlocutore di Russo è stato Francesco Paolo Romano, quando era capofamiglia del Borgo Vecchio, gli faceva avere dei soldi a seconda di chi si doveva portare nelle votazioni (candidare, ndr.)”. 

L’ex boss mafioso e, poi, collaboratore di giustizia Antonino Giuffrè, dice il pentito Filippo Bisconti, “mi diceva sempre che in tutti gli ambienti mafiosi, in tutte le zone, specie in quelle popolari, tipo a Ballarò, tipo al Capo, Vucciria, in queste zona, all’Arenella o Acquasanta, in tutte le zone più popolate c’è qualcuno sempre che fa riferimento ai politici per le campagne elettorali”. 

“Nel corso della campagna elettorale del 2022 Russo è stato costantemente aiutato nel procacciamento di voti da un personaggio imparentato con la famiglia mafiosa di Corso dei Mille” si legge nell’ordinanza di custodia cautelare. Si tratta di Gregorio Marchese, figlio di Filippo detto il ‘milinciana’ (‘melanzana’, ndr), uno dei più spietati killer del periodo delle guerre di mafia. Gregorio Marchese si è comportato come costola di Russo, attivandosi per promettere assunzioni sia presso l’ippodromo che presso il futuro centro commerciale, in cambio di voti”.  

Insieme a lui sono finiti ai domiciliari Gregorio Marchese e Achille Andò. Secondo l’accusa l’ex consigliere comunale avrebbe “patrocinato” l’assunzione come cassiera in un supermercato dell’amante di un boss detenuto e ritenuto al vertice del mandamento mafioso di Brancaccio – Corso dei Mille. “Grazie a degli scambi epistolari dal carcere avvenuti attraverso un intermediario – si legge nell’ordinanza -, Russo si è mosso per soddisfare i desiderata del boss, che aveva ordinato di trovare un posto di lavoro alla sua amante”.