Home FOCUS Firenze 2024 / Eike Schmidt: “Ora si cambia”. Cosa ha detto per...

Firenze 2024 / Eike Schmidt: “Ora si cambia”. Cosa ha detto per il lancio alla candidatura a sindaco

Lorenzo Ottanelli
1596
0
eike schmidt sindaco
Il palco del Teatro Cartiere Carrara allestito per la presentazione di Eike Schmidt sindaco

Si parte con un video di presentazione di Eike e la sua relazione con Firenze, dagli studi alla direzione degli Uffizi, passando per il matrimonio con la moglie fiorentina. Arriva, poi, Schmidt e viene accolto con una semi-standing ovation. Poi inizia a parlare, anzi a leggere un discorso che è pregno di slogan che piacciono a chi è contrario a tutto ciò che ha fatto Nardella e, prima di lui, Renzi in questi anni. Perfetto per chi è in opposizione a Sara Funaro.

Schmidt inizia con un “Ora si cambia: più efficienza, più decoro”. E l’idea di far tornare “Firenze faro del mondo”, ovvero far tornare “Firenze di nuovo magnifica”.

Poi una sequela di proposte per i “giovani che trovino spazi che non siano solo quelli per bere, ma che sia anche capitale della cultura”. Si parla del Maggio che era, fino a poco fa, gioiello e che oggi è una “voragine mangiasoldi”.

Si propongono nuovi studentati e non “solo falsi student hotel. Vogliamo gli studenti in città e non gli eccessi della movida. Gli abitanti del centro storico sono vittime anche delle battaglie fra bande”.

Si parla del Parco delle Cascine, che “diventeranno il nostro Central Park, il giardino dei fiorentino e vorrei che potessero giocare tutti i bambini senza paura”.

“Firenze è piena di tesori svenduti. Siamo la città più multata d’Italia, il doppio di Milano e il quadruplo di Roma. La Polizia Municipale deve ritrovare la sua ragion d’essere, non per fare soltanto cassa”.

Bisogna “saper gestire i grandi lavori – contrario alle tecnologie vetuste che nessuna città utilizzerebbe. Basta taglio degli alberi per sostituirli con foresta di pali”.

I PROBLEMI E LE RISPOSTE

Sicurezza: ci vuole un metodo, bisogna fare sistema, con l’aiuto del governo e con un impegno per il decoro. Non c’è sicurezza senza decoro, perché il degrado invita a delinquere.

Periferie: bisogna iniziare dalle periferie, 14 rioni tradizionale. valorizzare ognuno di questi, con una città policentrica, bisogna spartire i servizi al cittadino. Fare in modo che la periferia diventi centro.

Tramvia: agire con pragmatismo. Rivedere in modo radicale i piani e implementarla solo a Nord: Montelupo, Campi, Prato.

Aeroporto: necessario, Pista va inclinata in modo diverso, così che i cittadini di Peretola, Brozzi e Quaracchi non siano tormentati dal rumore.

Fiorentina: Progetto di ristrutturazione del Franchi. Enorme spreco di soldi pubblici, perché la proprietà aveva intenzione di fare uno stadio nuovo. Io non voglio sprecare altri soldi.

Problema della casa. Recuperare gli edifici vuoti. Occasione persa, perché Pnrr è stato usato per questo altrove. Qui no. Per giovani coppie è necessario anche aiutare ad avere dei figli. Studenti non trovano stanze in cui poter alloggiare.

Arte. Forte Belvedere non più utilizzato, utilizzarlo con Giardino di Boboli e gratuità per fiorentini possono ancora diventare luogo di aggregazione.

Turismo. Oggi mal gestione del turismo, se ci sono sempre più minimarket e paninificio senza servizi, senza tavoli e possibilità di gettare i rifiuti.

Cultura. Produrre qui ed esportarli, non il contrario.

E conciude: si cambia, cambiando guida

Eike Schmidt e la sua Firenze Magnifica verrà presentata questo pomeriggio al Teatro Cartiere Carrara. Il candidato forte della destra è ormai pronto al suo debutto come candidato, anche se la prima uscita l’ha fatta a Quaracchi con Donzelli. Da 4 giorni l’ex direttore degli Uffizi si è fatto sentire con proposte completamente opposte a quelle di Funaro e company.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Eike Schmidt (@eikesindaco)

No alle tramvie di Campo di Marte e di Rovezzano, ma sì a vie preferenziali per i bus elettrici, senza cordoli (un po’ come ci sono già, ma solo elettriche). Via tutti i pali sulle linee esistenti, cosa che la giunta Nardella ha deciso di non fare – il costo, almeno a quanto ufficialmente si dice, sarebbe troppo alto.

No alla delibera del Sindaco Nardella sull’overtourism contro l’esplodere degli appartamenti affittati in stile Airbnb. Sì alla nuova pista di Peretola.

Il programma e i punti salienti saranno presentati questo tardo pomeriggio al teatro tenda. Non si esclude che il programma intero non sia ancora pronto, anche a causa di una interlocuzione fitta tra i partiti: Fratelli d’Italia sarebbe pronta a portare avanti alcune proposte che non sarebbero approvate da Forza Italia. Le modalità comunicative sembrano molto simili a quelle della Lega.

Intanto, la presentazione sembra essere stata d’effetto. Che la corsa per sindaco sia tra Sara Funaro e Eike Schmidt è chiaro a tutti. E probabilmente si arriverà al ballottaggio. Chi sarà a spuntarla? Se Italia Viva e Cecilia del Re decidessero di non appoggiare Sara Funaro, le possibilità di vedere Eike Schmidt a Palazzo vecchio non sarebbe poi così lontana.

Firenze 2024 / Il caos dei candidati sindaci | La Gazzetta di Firenze