Home ULTIM'ORA Ayrton Senna, 30 anni fa la morte del più grande

Ayrton Senna, 30 anni fa la morte del più grande

Adnkronos
82
0

(Adnkronos) –
Trent’anni dalla morte di Ayrton Senna. Il pilota brasiliano, uno dei più grandi interpreti della Formula 1, perdeva la vita il primo maggio 1994 a Imola, in un drammatico incidente al volante della sua Williams. Un giorno nero per il circus e per lo sport, con l’addio ad un fuoriclasse in pista e fuori.  

La morte della stella verdeoro ha segnato un’epoca e una svolta nello sport dei motori. Un evento drammatico che Bernie Ecclestone, boss della Formula 1 per 4 decenni, oggi ricorda in maniera nitida. La vita di Senna è finita al settimo giro del Gp di San Marino, in un fine settimana che aveva già causato la morte dell’austriaco Roland Ratzenberger. La Williams del brasiliano è uscita di pista e ha concluso la sua corsa contro un muro.  

“È stato semplicemente un fine settimana disastroso. Se pensi a tutte le cose che sono successe, con Roland che si è schiantato e non è più sceso da quella macchina, e poi Senna, non penso davvero che sarebbe possibile che accada di nuovo. Max (Mosley, allora presidente della Fia) mi disse in seguito che credeva che sarebbe stata la fine della Formula Uno. Io gli ho detto: ‘Penso che tu abbia torto'”, dice Ecclestone, all’agenzia PA, riavvolgendo il nastro. 

“Speravamo che quanto successo non causasse ciò che Max aveva suggerito, ma è stato semplicemente un disastro. Non è stato un bel fine settimana e mi sembra che siano passati molto più di 30 anni. È stato così sfortunato da morire in quell’incidente. Mentre era in testa alla corsa, Senna ha perso il controllo della sua Williams alla famigerata curva del Tamburello. La sospensione anteriore destra della vettura del tre volte campione del mondo è penetrata nel suo casco. Tuttavia, la gara è ripresa meno di 40 minuti dopo con la vittoria di Michael Schumacher. Damon Hill, con l’altra Williams, ha tagliato il traguardo in sesta posizione, due posizioni davanti a Martin Brundle, ora un affermato esperto televisivo, che ha affermato di essere “arrabbiato” per aver “corso oltre una pozza di sangue di Senna per 55 giri”.  

Ecclestone, 93 anni, ha continuato: “Avremmo dovuto fermare la corsa?” Non la penso così. Non avrebbe aiutato (Senna) in alcun modo. Quando queste cose accadono, accadono tutte così velocemente che non hai davvero molto tempo per pensare. Legalmente si sarebbe dovuto fermato il tutto, perché ora sappiamo che è morto sul circuito. Ma alla fine si è trattato di problemi commerciali, di persone che avrebbero voluto rimborsi e tutto questo genere di cose. E l’altro lato della questione non è stato realmente preso in considerazione”. 

Miami ospiterà il quinto round del campionato di quest’anno questo fine settimana, con la F1 che dovrebbe rendere omaggio a Senna al Gp dell’Emilia Romagna a Imola il 19 maggio. “La Formula Uno è diventata più popolare dopo la morte di Senna”, ha aggiunto Ecclestone. “Ha ricevuto così tanta pubblicità in tutto il mondo che le persone che non avevano mai guardato la Formula Uno prima hanno iniziato ad interessarsi. Ma spero che non vedremo mai più qualcosa del genere, e penso che oggi, con il modo in cui tutto è migliorato in termini di sicurezza, grazie a Dio, le possibilità che questo accada sono molto minori”.