Home Focus Referendum: "NO" a questa riforma costituzionale da parte del Comitato cattolici popolari

Referendum: "NO" a questa riforma costituzionale da parte del Comitato cattolici popolari

622
0

Vogliamo dirlo con chiarezza: la chiamata alle armi nel fronte del sì e in quello del no, che si sta accentuando mano a mano che si avvicina il 4 Dicembre, non ci piace e non ci appartiene. Se non basta, aggiungiamo che è un madornale errore che fa male al Paese.
Abbiamo detto dall’inizio dell’attività del nostro comitato che siamo dei moderati, non accettiamo nessun coinvolgimento politico, non facciamo parte di nessun schieramento pre o post costituito. Insomma niente . Il nostro no si riferisce esclusivamente a questa riforma, a come è stata costruita, agli effetti – secondo noi negativi – che potrà avere sulla vita legislativa e istituzionale del Paese. Questo è quello che ci interessa.
Lasciamo ad altri leggere tutto e solo in chiave politica, parlare di referendum pro o contro il governo e il suo premier, oppure vagheggiare governi tecnici o di scopo, o ancora fare del referendum una sorta di cavallo di Troia, con al posto di Ulisse o Grillo, o Salvini o lo stesso Renzi, a seconda dei gusti e dei convincimenti politici.
Noi siamo e restiamo contrari alla riforma costituzionale e all’Italicum: si faranno norme diverse e chiare per scegliere i nuovi senatori e si modificherà l’Italicum? Bene, ma il 4 Dicembre si vota su quello che prevede la riforma e il 4 Dicembre sarà sempre in vigore l’Italicum.
Il dopo è tutto da vedere. Non alziamo né la voce né polveroni, non profetizziamo sciagure e nemmeno crediamo che tutto debba restare immobile per trenta anni. Ma in nome dei valori e dei principi che ci accomunano il nostro è un no convinto, sereno, ma deciso.

Il coordinamento del comitato cattolici popolari per il no

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here