Home Senza categoria Volley Serie A1F, La Savino Del Bene in trasferta a Novara per...

Volley Serie A1F, La Savino Del Bene in trasferta a Novara per compiere l’impresa in Gara 2 palyoff scudetto

282
0

La Savino Del Bene Volley sta finendo di preparare Gara 2 dei quarti di finale scudetto e la Savino Del Bene Volley, sfida che potrebbe dare alle ragazze di coach Beltrami la possibilità di arrivare per la prima volta nella sua giovane storia in semifinale dei playoff. Lunedì 17 Aprile alle ore 18.00 La Savino Del Bene sfiderà per la seconda volta, questa volta in trasferta, la Igor Gorgonzola Novara.

Sarà una sfida delicata e difficile nella quale le ragazze di coach Fenoglio si giocheranno il tutto per tutto per riaprire il discorso dei quarti di finale dei playoff scudetto. Per Novara è una gara da dentro o fuori e la Savino Del Bene Volley dovrà essere brava ad attutire le sfuriate di Piccinini e compagne. In caso di sconfitta per Scandicci non ci sarà nemmeno il tempo di pensare che i due roster si troveranno subito faccia a faccia per giocarsi il passaggio del turno. L’eventuale Gara 3, infatti, è prevista per martedì 18 Aprile alle ore 20.30 ed in quel caso la battaglia sportiva disputata in tre round sancirà il suo verdetto definitivo. Dopo la vittoria di Gara 1 a Scandicci si respira positività e coach Beltrami ci racconta cosa si aspetta l’umore e i pensieri in vista del match che potrebbe lanciare Rondon e compagne tra i primi quattro roster d’Italia.

“La partita è difficile perché giocheremo in casa loro e mi aspetto una reazione forte da parte delle ragazze di coach Fenoglio – spiega Beltrami – All’andata abbiamo fatto molto bene, ma purtroppo per noi non abbiamo ancora il passaggio del turno in tasca. Novara ha la consapevolezza che dovrà dare il 100% e si giocherà il tutto per tutto nel match di lunedì. Mi aspetto una partita giocata con grande intensità. Per come è stato il campionato loro partivano favorite in questi quarti di finale e la partita di andata ha lasciato sicuramente un segno positivo a noi, ma soprattutto un segno negativo a loro.  Quando subisci un colpo d’arresto così, probabilmente anche inaspettato, sicuramente alla partita dopo trovi le forze per reagire. Penso che Novara sarà molto aggressiva in tutte le fasi di gioco e soprattutto in battuta; quest’anno quando ci abbiamo giocato contro hanno sempre forzato la battuta mettendoci in seria difficoltà. Penso e spero di assistere ad una battaglia molto dura giocata punto a punto.”

Quale sarà il fattore che romperà gli equilibri di questa battaglia sportiva ormai alle porte? “Loro devono essere aggressive perché in questo momento la Savino Del Bene Volley è in vantaggio di una partita e se dovessero perdere sarebbero fuori dai giochi per lo scudetto. La loro aggressività non ci deve sorprendere, anche noi dovremo partire con molta grinta per cercare di demolire le certezze che si sono costruite in questa settimana di lavoro in palestra. Vedremo chi riuscirà a sopraffare l’altro per quanto riguarda l’aggressività. Secondo me la vera e propria chiave di volta dell’incontro farà volgere la partita a favore della squadra che avrà più pazienza e lucidità a subire le sfuriate delle avversarie. E’ probabile, e in cuor mio lo spero perché vorrebbe dire che ce la stiamo giocando alla pari al Pala Igor, che il match sia molto lungo e quindi in settimana abbiamo lavorato molto sull’intensità e sulla resistenza.”

Le sedute di allenamento post vittoria di Gara 1 sono state molto intense e positive, credi che questo sia dovuto all’entusiasmo portato da questa vittoria? “No, le ragazze da quando siedo su questa panchina, dopo un normale periodo di rodaggio dei cambiamenti apportati dal nuovo tecnico, mi hanno sempre seguito e i miglioramenti sono stati lenti e progressivi. Fino a questo momento non eravamo riusciti a trasportare quanto di buono fatto in palestra al momento clou e quindi la domenica in campo. Le ultime tre giornate di campionato dopo la Coppa Italia abbiamo patito un po’ la mancata finale e quindi è venuta meno un po’ di fiducia in quello che potevamo fare. In allenamento le cose si fanno e riescono bene, ma poi in campo ci sono anche le avversarie e noi abbiamo un po’ sofferto questo calo di fiducia nelle nostre potenzialità. A fine campionato ci ha sicuramente fatto bene la pausa di una settimana in cui abbiamo ricaricato le pile e ci ha consentito di ripartire con più determinazione e sicurezza. Ovviamente dopo Gara 1 siamo rientrati in palestra molto più sereni e spero e penso molto più consapevoli di quello che possiamo essere  e di quello che possiamo fare.”

In caso di sconfitta in Gara 2 vi aspetta Gara 3 il giorno successivo, vi siete preparati anche in vista di questa eventualità? “La formula di giocare due giorni consecutivi di solito avviene soltanto nelle competizioni internazionali, con le nazionali che si allenano e preparano queste eventualità. In campionato nessuna squadra ha la possibilità di allenare e preparare al meglio la partita del giorno dopo. Da quando alleno è la prima volta che succede questa cosa nei playoff. Il calendario delle Coppe europee che fortunatamente vede impegnate le nostre squadre italiane in finale ha portato a questa particolare sistemazione, ma appunto credo che nessuno sia pronto ad affrontare la probabile Gara 3 nel modo che una partita così importante richiederebbe.”

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here