Home Magazine Da Palazzo Vecchio al Palazzo d’Inverno di San Pietroburgo in bicicletta

Da Palazzo Vecchio al Palazzo d’Inverno di San Pietroburgo in bicicletta

318
0

Un viaggio in bicicletta da Palazzo Vecchio al Palazzo d’Inverno di San Pietroburgo percorrendo 5400 km in 80 giorni, attraverso 12 stati e cinque capitali europee. È quello che affronteranno dal 17 luglio due giovani fiorentini appassionati di cicloturismo, percorrendo la linea di confine che per 50 anni ha diviso in due l’Europa: la cortina di ferro. Lungo il percorso si uniranno a loro altri membri del team e giovani appassionati, sostenendo il progetto di viaggio condiviso e ciclomobilità intereuropea.

“Un’iniziativa molto bella che fa bene all’Europa per il momento che sta vivendo – ha detto l’assessore allo Sport Andrea Vannucci – Un progetto nato dall’idea di due ragazzi fiorentini che in sella a una bicicletta si faranno portatori felici di un messaggio assolutamente positivo di pace e solidarietà tra i popoli europei. Un’impresa impegnativa anche dal punto di vista sportivo che porterà questi due ragazzi ad attraversare 12 Paesi percorrendo oltre 5mila chilometri lungo la cortina di ferro”. 

Obiettivo principale del progetto, oltre al compiere un’impresa sportiva dal focus sociale e internazionale, è quello di promuovere cicloturismo, viaggio lento e responsabile, integrazione sociale e libertà di movimento, valorizzando turismo sostenibile e ciclomobilità e focalizzando l’attenzione sulle realtà italiane che si occupano di ciclismo: Brt, Simoncini e Fanchiotti per le biciclette e i componenti, Cicli Berti e Cicli Marangiolo per le consulenze tecniche, Green Apes, Aitr, Fiab, Movimento Centrale Onlus e Biciclettami per il supporto mediatico. Il progetto ha il patrocinio di Comune di Firenze e Cospe. Per autofinanziarsi il team RiCiclabili ha lanciato una campagna di crowdfunding attraverso il portale di Eticarim. Il viaggio può essere seguito in tempo reale su www.riciclabili.net.

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here