Home Senza categoria Andrea Pieri: “la morte di Sergio Pasquali lascia un vuoto enorme all'interno...

Andrea Pieri: “la morte di Sergio Pasquali lascia un vuoto enorme all'interno del mondo del nuoto"

Redazione
1804
0

Amico, collega ma soprattutto maestro di vita e sport.  Con queste parole Andrea Pieri, presidente della Rari Nantes e vicepresidente Fin ha salutato la scomparsa di Sergio Pasquali: “la morte di Sergio lascia un vuoto enorme all’interno del mondo del nuoto. Difficile raccontare in poche parole la straordinaria carriera di atleta, allenatore e dirigente di Sergio, perché ha segnato un’epoca scrivendo pagine importanti della storia di questo sport e di questa società.  Umanamente e sportivamente perdiamo un punto di riferimento, non ci resta che seguire il suo l’esempio e proseguire il suo lavoro. Come presidente della Rari annuncio gia’ da ora che insieme al consiglio abbiamo programmato un’iniziativa alla sua memoria.”

Sergio Pasquali se n’è andato dopo 4 mesi di malattia. Nuotatore della Rari Nantes Florentia, allievo del mitico Enzo Zabberoni, e poi allenatore scrupoloso.

Fu lui a fondare gli Amici Nuoto Firenze, per passare poi a guidare la Fiorentina Nuoto, quindi la Press Nuoto Torino e dal 2001 Rari Nantes Florentia.

Per diversi anni ha fatto parte delle staff della nazionale come secondo di Alberto Castagnetti, colui che ha scoperto e lanciato Federica Pellegrini, partecipando ai Giochi di Los Angeles a quelli di Atlanta, Sydney e Atene, responsabile della staffetta 4×200 sl, Pasquali ha avuto fra i suoi atleti, oltre la figlia Melissa Pasquali un altro bel gruppo di azzurri: da Tanya Vannini ad Alessandro Berti e più recentemente il pluriprimatista dei 200 dorso Sebastiano Ranfagni, Carlotta Toni, Federico Bussolin, Lorenzo Zagli, Daniele Ceccuti. 

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui