Home VETRINA Via libera alla nuova pista di Peretola, la commissione ha dato parere...

Via libera alla nuova pista di Peretola, la commissione ha dato parere favorevole

admin
439
0

“E’ arrivata una buona notizia: la commissione tecnica ha dato l’ok alla valutazione d’impatto ambientale per la nuova pista a Peretola – è il commento del sindaco di Firenze Dario Nardella – Ora avanti tutta su aeroporto, Mercafir e stadio. Senza esultare ma pancia a terra, lavoriamo affinché Firenze sia sempre di più moderna, europea e con un aeroporto all’altezza di una città come la nostra”. 
La commissione, si legge in una nota del ministero dell’Ambiente, «ha emanato stamani il parere integrativo per il progetto del nuovo master plan 2014-2029» di Peretola. Con questo atto «la commissione ha integralmente confermato il parere 2335 del 2016 già emanato, confermando integralmente l’intero quadro prescrittivo e ritenendo le informazioni fornite successivamente dal proponente non rilevanti e comunque tali da non variare il giudizio di compatibilità già espresso». Così, conclude la nota, «si conclude positivamente l’iter tecnico del progetto, cui ora seguirà la fase della redazione del decreto di compatibilità ambientale a firma del ministro Gian Luca Galletti, con il concerto del ministero dei Beni Culturali».
Ma il sindaco di Sesto, Flchi, contesta la decisione
“È davvero sorprendente sentire parlare, oggi, di promozione della nuova pista dell’aeroporto da parte dell’Unesco. È sufficiente, infatti, leggere il documento presentato ieri per rendersi conto che i risultati della missione sono ben diversi da quelli sbandierati da Toscana Aeroporti e dal sindaco di Firenze Nardella”. Lo sottolinea il sindaco di Sesto Fiorentino a proposito del report dell’Unesco presentato ieri e redatto dopo la missione fatta lo scorso maggio nel capoluogo toscano. L’elaborato, attacca Falchi, “non prende in considerazione gli effetti della nuova pista sull’ambiente e sulla popolazione, ma esclusivamente quelli sul patrimonio storico. Infatti si dice in modo chiaro che ci sarà un miglioramento soltanto per quello che riguarda la fruibilità delle ville La Petraia e di Castello, grazie all’allontanamento della pista. Si parla di impatti nulli o appena positivi patrimonio artistico di Firenze, mentre niente si dice sul resto del territorio perchè non era oggetto di questo rapporto”. 

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui