Home Vetrina Ataf, duro attacco della De Zordo e Grassi a Renzi per le...

Ataf, duro attacco della De Zordo e Grassi a Renzi per le dichiarazioni di Moretti

admin
350
0

“Il trasporto pubblico locale non è una merce, ma un servizio essenziale per la collettività. Moretti, amministratore delegato della nuova proprietà, lo considera invece un’attività imprenditoriale e come tale la tratta, pretendendo di ricavarne degli utili. Questo va contro ogni logica e ogni esperienza civile nella gestione dei servizi pubblici”. Lo dichiarano Ornella De Zordo di perUnaltracittà e Tommaso Grassi di Sel. “Renzi, in campagna elettorale per le primarie, aveva definito l’ipotesi di esuberi di personale dell’Ataf “una barzelletta”: come mai non ha ribadito il concetto di fronte a Moretti? Con il quale invece sembra che stia andando a braccetto anche sui lavori Tav, smentendo anche in questo caso le sue precedenti affermazioni.” aggiungono i due consiglieri. Non è un caso che l’Azienda non abbia voluto inserire nel bando di gara per la vendita la famosa “clausola sociale”, e non sia quindi stata inserita nel capitolato di gara la tutela dei precedenti livelli occupazionali, pena l’annullamento della cessione dell’Azienda. La clausola sociale voluta dai sindacati e da noi richiesta in Consiglio comunale fu bocciata dalla maggioranza che, a tempo scaduto e a gara già assegnata, pensò di salvarsi la coscienza con un atto tardivo. Che infatti non è servito a niente.” concludono De Zordo e Grassi. “Ora la nuova proprietà può operare tagli di personale e di servizi. E, dopo l’abbandono di Palazzo Vecchio, che ha fatto cassa con la vendita della sua società partecipata e si è chiamato fuori da ogni responsabilità, restano ora i sindacati a difendere posti di lavoro e qualità del servizio. Al loro fianco noi ci siamo, come anche quelle realtà che hanno dato vita al ‘Comitato cittadino contro la privatizzazione dell’Ataf’, che vede ora avverarsi pronostici facilmente intuibili; Moretti dovrà vedersela con questa parte di città e con le vertenze che metterà in atto”, concludono De Zordo e Grassi.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui