Home Focus La debacle del M5S mette il Pd di fronte ad aprire un...

La debacle del M5S mette il Pd di fronte ad aprire un altro disegno sull’asse riformista e centrista

admin
166
0
Exit poll inequivocabili:  il centrosinistra ha fatto cappotto in tutte le maggiori città, (ad eccezione di Trieste)  in un mare di astensioni. Due considerazioni:
1) i voti perduti dal M5S, tantissimi, non sono andati a nessun altro schieramento; questo apre una possibile prospettiva per qualunque nuova scommessa politica (Calenda in primis) e mette il Pd di fronte a una scelta radicale: continuare a investire sull’alleanza con un movimento sconfessato dai suoi stessi elettori o aprire a un altro disegno, fondato innanzitutto sull’asse con una forza riformista liberale e centrista.
2) Il centrodestra ha clamorosamente fallito il bersaglio; era una tornata amministrativa ma con una inequivocabile valenza politica: la sconfitta non si può spiegare soltanto con la debolezza dei candidati presentati dalla coalizione, che difficilmente arriverà alle prossime politiche strutturata com’è; la leadership di Salvini non è più salda nella Lega, quella di Giorgia Meloni non è invece a rischio in FdI, ma la sua linea rischia di congelare il partito all’opposizione, come accadeva con il Msi: non è affatto detto che Berlusconi rinunci a scomporre il quadro dando un contributo decisivo per l’affermazione di un‘area moderata, convintamente europeista e decisa a condurre in porto tutte le riforme che la Ue ci ha chiesto in cambio della pioggia di finanziamenti; sono due punti su cui il centrodestra come coalizione potrebbe presto andare in archivio. Senza mai aver vinto se non nei sondaggi.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui