Home Focus Fondazione CF Firenze ha finanziato 4 progetti di nuove scuole a Firenze...

Fondazione CF Firenze ha finanziato 4 progetti di nuove scuole a Firenze e Campi per il Recovery Fund

admin
182
0

Quattro progetti di nuove scuole per Firenze e l’area metropolitana sono stati donati dalla Fondazione CR Firenze per supportare le pubbliche amministrazioni nell’utilizzo dei fondi messi a disposizione dall’Unione Europea con il Recovery Fund. Gli studi di fattibilità e la progettazione, per un importo complessivo stanziato di circa 585 mila di euro, sono stati realizzati da altrettanti studi di architettura in collaborazione con gli uffici tecnici del Comune di Firenze, che si occuperà ora del loro inserimento all’interno del PNRR – Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza e della loro realizzazione. Le opere consistono nella costruzione della nuova scuola media Ghiberti a Legnaia, il polo scolastico Prunaia a Campi Bisenzio, il nuovo Liceo Pascoli e un nido alle Cascine. Si tratta di progetti di largo respiro, pluriennali e intersettoriali, per i quali era difficile poter impegnare gli uffici tecnici comunali nel rispetto delle scadenze imposte dal Recovery Plan.

I nuovi interventi stati presentati presenti il Presidente di Fondazione CR Firenze Luigi Salvadori, il Sindaco di Firenze Dario Nardella, l’Assessore all’Educazione del Comune di Firenze Sara Funaro, il Sindaco di Campi Bisenzio Emiliano Fossi, e il Direttore Generale del Comune Giacomo Parenti.

 

 

 

 

 

 

“Questo nostro intervento – ha affermato il presidente di Fondazione CR Firenze Luigi Salvadori – è un nuovo segnale, chiaro e concreto, della nostra vicinanza ai cittadini nei bisogni e nelle necessità che sono anche i nostri e un nuovo esempio di fruttuosa collaborazione con le Istituzioni. Una modalità che tutte le 83 fondazioni di origine bancaria aderenti all’ Acri stanno attuando nei loro territori per supportare le amministrazioni locali nella fase preliminare della progettazione relativa al Pnrr. Ma la Fondazione si è già attivata da tempo relativamente al Revory Fund. Lo scorso febbraio abbiamo presentato, grazie all’aiuto di Marco Buti, Capo di Gabinetto del Commissario europeo agli Affari Economici, e la direzione del professor Alessandro Petretto, 19 progetti predisposti, praticamente in tempo reale e in modo del tutto volontario, da una cabina di regia di esperti di chiara fama che abbiamo chiamato per questo compito. Abbiamo anche da poco attivato uno speciale ‘Sportello Europa’ che vuole essere un servizio di orientamento e di accompagnamento per le risorse messe a disposizione dal PNRR e dalla Programmazione europea 2021-2027 e che è rivolto agli Enti beneficiari della Fondazione che operano nei seguenti settori: Arte, Attività e Beni Culturali; Volontariato, Filantropia e Beneficenza; Educazione, Istruzione e Formazione”.  Si tratta di progetti di largo respiro, pluriennali e intersettoriali, per i quali era difficile poter impegnare gli uffici tecnici comunali nel rispetto delle scadenze imposte dal Recovery Plan.