Home Focus Bene i test Fifa su fuorigioco semiautomatizzato, Collina, presidente comitato arbitrale ...

Bene i test Fifa su fuorigioco semiautomatizzato, Collina, presidente comitato arbitrale ‘non è fuorigioco robot’

Adnkronos
113
0

La Fifa ha tenuto ulteriori test di successo della tecnologia del fuorigioco semi-automatizzato (Saot) durante la Coppa del Mondo per club Fifa 2021 ad Abu Dhabi insieme ad animazioni 3D visualizzate sul grande schermo dello stadio e in televisione che offrono agli spettatori una maggiore comprensione delle decisioni di fuorigioco. Dopo essere stato sperimentato con successo alla Coppa Araba Fifa lo scorso anno, i test sull’implementazione del Saot sono stati intensificati prima del suo uso previsto alla Coppa del Mondo Fifa 2022 in Qatar. Il presidente del comitato arbitrale della Fifa Pierluigi Collina e il team di tecnologia e innovazione della Fifa hanno dato una dimostrazione della tecnologia allo stadio Mohammed Bin Zayed mercoledì. “Stiamo continuando un test per cercare di raggiungere l’obiettivo: avere decisioni più accurate e anche decisioni più rapide nei casi di fuorigioco”, ha detto Collina. “So che qualcuno lo ha chiamato “fuorigioco robot”; non lo è”.
“Gli arbitri e gli assistenti arbitrali sono ancora responsabili della decisione sul campo di gioco. La tecnologia offre loro solo un valido supporto per prendere decisioni più accurate e rapide, in particolare quando il fuorigioco è molto stretto e molto difficile”. Il Saot è un’estensione del sistema Var già impiegato in 47 paesi in tutto il mondo e in più di 100 competizioni, tra cui tutti i tornei Fifa. Dieci telecamere dedicate, oltre a diverse telecamere televisive, sono allestite nello stadio per tracciare 18 punti dati di ogni singolo giocatore, dando la loro posizione sul campo. Il numero di punti dati dovrebbe aumentare a 29 punti per giocatore entro la Coppa del Mondo.

Questi dati, raccolti 50 volte al secondo, vengono poi trasmessi a un Avar specificamente dedicato alle decisioni di fuorigioco per controllare e fare la loro raccomandazione al Var e all’arbitro in campo. Questo processo avviene in tempo reale e quindi significa che le decisioni possono essere prese sulle chiamate in fuorigioco in pochi secondi. “Stiamo anche monitorando gli arti -stiamo monitorando le braccia e le gambe- e sappiamo esattamente dove si trovano tutti quei giocatori in ogni momento del gioco”, ha spiegato Sebastian Runge, Head of Football Technology della Fifa. “Stiamo monitorando con 50 fotogrammi al secondo, quindi 50 volte al secondo sappiamo dove si trovano i giocatori e stiamo ricevendo queste informazioni al sistema”. Questa combinazione consente di valutare se un giocatore è a bordo campo o meno.

La Fifa sta anche sperimentando l’uso di animazioni 3D che illustrano chiaramente quando un giocatore è in fuorigioco o meno. “Abbiamo introdotto un’animazione di fuorigioco, che non è correlata al processo decisionale, ma certamente offre una migliore comprensione e una visione più chiara della decisione di fuorigioco/onside”, ha detto Collina. “Quindi, una volta presa la decisione, questo tipo di animazione inizia a essere prodotta e, pochi secondi dopo, può mostrare meglio cosa è successo rispetto all’utilizzo delle normali linee 2D”.

Queste animazioni vengono create dopo che è stata presa la decisione sul fuorigioco per fornire un’immagine più chiara ai tifosi che guardano in televisione e negli stadi. “Con il fuorigioco semi-automatico, otteniamo punti dati e questi punti dati possono essere tradotti in un’animazione”, ha affermato Runge. “Quindi, sappiamo dove si trova la spalla, sappiamo dove si trova il ginocchio, per esempio. E prendendo quei dati, possiamo entrare nel mondo 3D e possiamo creare animazioni, che possono spiegare perfettamente se un giocatore era in disparte, quanto di quel giocatore era in fuorigioco o in gioco, e lo abbiamo inserito in un’animazione che sarà condivisa con la Tv e i nostri operatori di schermi giganti e possiamo informare gli spettatori in modo più chiaro sulle decisioni di fuorigioco e onside”.

La Fifa continuerà a provare queste innovazioni in altre competizioni nel corso di quest’anno. “Sappiamo che non è facile essere veloci e precisi allo stesso tempo, se vuoi essere preciso hai bisogno di tempo”, ha detto Collina. “Ecco perché abbiamo pensato a una tecnologia in grado di prendere decisioni più accurate e veloci possibili”.