Home Ultim'ora Oricon, a rischio 15 mila lavoratori ristorazione collettiva

Oricon, a rischio 15 mila lavoratori ristorazione collettiva

Adnkronos
70
0

(Adnkronos) – Sono 15 mila i lavoratori a rischio nella ristorazione collettiva. L’allarme era stato lanciato già lo scorso dicembre: la ristorazione nelle aziende sta scomparendo, con gravi danni in termini occupazionali e sociali. Un allarme che purtroppo trova conferma nei dati con cui il settore ha chiuso il 2021 ma, soprattutto, in vista dei prossimi mesi che avrebbero dovuto consolidare la ripresa di un comparto che dà lavoro a oltre 93 mila persone, per lo più donne e con contratto a tempo determinato, e che invece è in balia di smart working e rincari. E’ la nuova denuncia che arriva dall’Oricon, l’Osservatorio Ristorazione Collettiva e Nutrizione.  

“Secondo le stime di Oricon, se lo smart working si andrà consolidando in forma stabile e a questo aggiungiamo i rincari delle materie prime non compensati da interventi del Governo, pur investendo in forme adattative di erogazione del servizio le aziende non riusciranno a recuperare i volumi produttivi pre pandemia”, dichiara Carlo Scarsciotti, presidente di Oricon. “A rischio ci sono 15 mila lavoratori complessivamente, 8 mila nella sola Ristorazione aziendale, ma soprattutto lavoratrici. In un settore da sempre caratterizzato da rapporti di lavoro a tempo indeterminato, volti a garantire professionalità e competenze indispensabili in questo lavoro, sarebbe un grave danno”. 

Secondo le rilevazioni di Oricon, il 2021 per il settore delle mense, in particolare il segmento in appalto, si è chiuso con una crescita dei ricavi e dei volumi delle vendite del 22% rispetto ai 12 mesi precedenti, ma comunque ancora lontana dai dati prepandemia: rispetto al 2019, quando i ricavi caratteristici superavano i 4,1 miliardi di euro e si producevano annualmente 860 milioni di pasti, l’anno appena concluso segna, infatti, un disastroso -20% con 3.3 miliardi di euro di ricavi e circa 690 milioni di pasti. 

Analizzando i diversi settori in cui la ristorazione collettiva opera, ci si rende conto di come la ripresa sia stata marcatamente disomogenea: se la ristorazione scolastica ha messo a segno nel 2021 un incoraggiante recupero delle vendite pari al 57%, rispetto al -50% registrato del 2020, la ristorazione socio-sanitaria e delle altre collettività hanno recuperato rispettivamente il 2% e 6.7% a valori. Ma è la ristorazione aziendale che continua a destare maggiori preoccupazioni: in questo comparto, a causa del massiccio ricorso alle forme di lavoro remoto – all’inizio del terzo trimestre 2021 i lavoratori in smart working erano 4.7 milioni, quasi un terzo del totale degli occupati dipendenti – la produzione è cresciuta nel 2021 del 23% ma si attesta ancora al 75% di quella del 2019, una contrazione di un quarto rispetto all’anno pre-pandemia.  

Nonostante le evidenti difficoltà che questi numeri fotografano, le aziende del settore sono riuscite a preservare la forza lavoro, anche grazie ai tempestivi, seppur insufficienti e comunque onerosi, interventi del Governo che hanno contribuito a mantenere pressoché invariati i livelli occupazionali e a bilanciare le sospensioni o riduzioni delle attività. “Il settore ha avuto nel 2021 un calo occupazionale fisiologico in linea con gli anni passati – spiega Scarsciotti -, grazie a uno sforzo importante compiuto dalle aziende per non disperdere professionalità e competenze di chi opera nel settore, un atto di responsabilità a garanzia di un servizio che ha un grande valore sociale. Ma non potremo resistere ancora a lungo, se i dipendenti continueranno a lavorare da remoto senza usufruire del ristorante aziendale non riusciremo a riassorbire gli oltre 8 mila lavoratori che operano in questo comparto e sono attualmente in cassa integrazione. Gli ammortizzatori a cui attualmente le aziende stanno facendo ricorso non bilanciano le perdite subite ma, soprattutto, sono una soluzione temporanea”.  

Gli ammortizzatori sociali nel 2020 hanno interessato due dipendenti su tre in aprile (8 su dieci in quello aziendale), per ridursi a uno su quattro a settembre 2020 e a uno su cinque a dicembre 2021. Complessivamente, in tutti gli ambiti in cui le aziende della Ristorazione collettiva operano, sono ancora oltre 15.000 gli occupati che dovranno essere riassorbiti dalle aziende nei prossimi mesi. Si tratta nella stragrande maggioranza di lavoratrici, che in questo settore rappresentano l’80%, contro il 20% della forza lavoro di genere maschile. “A questo quadro già allarmante si sommano i rincari dell’energia ma soprattutto delle materie prime alimentari, che comportano per le aziende un incremento di costi che sfiora l’8%, su un servizio che viene erogato a prezzo fisso e imposto – conclude il Presidente di Oricon -. Se non vogliamo perdere un settore importante non solo per l’economia nazionale, ma per il valore che ha in termini sociali e nutrizionali, occorre rivedere il modello di lavoro da remoto e pensare a forme di sostegno alle aziende coerenti con la situazione attuale che consentano di guardare al futuro”.